L’Italia è sempre il Paese delle Partite Iva



Partite Iva in italia




Le ultime analisi di Confcommercio e Ministero dell’Economia confermano la crescita del numero di Partite Iva in Italia, che hanno volumi molto più alti rispetto agli aumenti degli iscritti agli ordini professionali. Una fetta di popolazione sempre più ampia, dunque, per cui non mancano novità amministrative, come nel caso delle nuove regole per il regime dei minimi.

I regimi attivi. È nel 2014 che nel sistema fiscale italiano sono stati introdotti i concetti di regime forfettario e regime dei minimi, dedicati per l’appunto agli intestatari di Partite Iva: con il primo termine di identifica il regime agevolato creato con la Legge Finanziaria 2015, mentre il secondo (in verità già partito nel decennio precedente) riguarda il “regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità” avviato con il Decreto “Milleproroghe” e poi rinnovato e modificato.

Le nuove regole. Un’opzione divenuta sempre più centrale nel nostro sistema e oggetto di diversi cambiamenti, come ci ricorda questo approfondimento sul blog di Danea, punto di riferimento per migliaia di imprenditori e professionisti, che analizza in dettaglio anche le ultime novità e i requisiti per accedere al nuovo regime dei minimi 2017 previsti con le nuove regole approvate dal Consiglio dei Ministri.

Una crescita netta. Un tema piuttosto delicato e di portata davvero ampia, visto che, come appunto rivelano gli ultimi focus sul mondo delle Partite Iva, il numero di professionisti indipendenti è in continua crescita, lungo tutto lo Stivale. È lo stesso Mise a sottolineare come soltanto nel mese di settembre 2017 sono state avviate all’incirca 41 mila Partite Iva, con un aumento di 1,7 punti percentuali rispetto ai dati del 2016.




Analisi approfondita. Più in dettaglio, il 72,5 per cento delle posizioni aperte a settembre appartiene alle persone, circa il 4 per cento riguarda società di persone (somma in netto calo rispetto all’anno precedente), il 22,9 per cento fa riferimento alle società di capitali e infine il restante 0,8 per cento è rappresentato dai “non residenti” e “altre forme giuridiche”. Guardando invece la composizione territoriale di questo “popolo”, la maggior parte delle aperture si registra al Nord e viene effettuata da persone fisiche, e in particolare dalla classe dei giovani fino ai 35 anni d’età che concentra quasi la metà delle richieste, mentre la fascia dai 36 ai 50 anni rappresenta un terzo del totale; la ripartizione per sesso è molto più netta, visto che il 61,2 per cento degli avvianti è di sesso maschile.

I settori più dinamici. Secondo l’ultimo report dell’Osservatorio sulle Partite IVA del Ministero dell’Economia e delle finanze, poi, il settore con il maggior numero di avviamenti di Partite IVA è il commercio, seguito dalle attività professionali e dall’agricoltura; i settori più dinamici rispetto all’anno scorso sono invece trasporto e magazzinaggio, istruzione e servizi informativi. Infine, più di un terzo dei soggetti che hanno aperto la partita IVA nel mese di settembre ha optato per il regime agevolato forfettario con un incremento rispetto settembre 2016 di ben dieci percentuali.

Le Partite Iva crescono più degli Ordini. Se questi sono i numeri degli ultimi mesi, la Confcommercio ha presentato un’analisi più ampia, che copre gli ultimi sei anni, rivelando come il numero di professionisti indipendenti in Italia sia cresciuto del 51,6 per cento, mentre nello stesso periodo i liberi professionisti siano aumentati del 14,8 per cento e gli iscritti ai vari ordini “soltanto” del 5,8 per cento.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.