Conguaglio bollette luce e gas addio, addio alle maxi spese



Conguaglio bollette luce e gas addio, addio alle maxi spese




È successo a tutti che una bolletta del gas o una bolletta della luce arrivasse con una maxi rata. In un certo periodo dell’anno è sintomatico che i gestori facciano il famoso conguaglio bollette per rimettere in linea i conti. Come accade spesso ci rimettono quasi sempre i consumatori. È capitato in realtà che a causa di pagamenti bimestrali troppo alti il conguaglio sia a favore del cliente ma, diciamolo, accade molto raramente.

Conguaglio bollette addio prevista l’abolizione nella legge di bilancio

Un sollievo per tanti italiani che aspettavano ogni anno il salasso delle bollette luce e bollette gas con il mega conguaglio bollette che appesantiva il bilancio familiare.
Ma che cos’è il conguaglio bollette? Su ogni fattura se leggete bene riporta una data in cui dovremmo trasmettere i numeri del contatore in modo che i gestori possano allineare i consumi con la spiacevole attività di spesa” preventiva”. Ma non solo se ci sono stati errori di fatturazione negli anni il gestore può richiedere in un unica bolletta il saldo di tutto.
Questo significa che in un certo periodo dell’anno nel caso voi aveste dimenticato di mandare la lettura contatore Acea, ad esempio, vi arriverà il conguaglio per ripristinare i pagamenti e riallinearli con i consumi reali.

Questo però sta cambiando grazie al deputato Simone Baldelli che ha fatto inserire nella legge di bilancio un ddl in cui le aziende che producono luce, acqua e gas non possono richiedere le cifre arretrate oltre i due anni. Fino a ieri infatti la prescrizione durava 5 anni, con il ddl Baldelli si chiude in due.

A quando i cambiamenti?

In realtà il testo deve essere ancora approvato al senato ma con molta probabilità non avrà problemi. Il ddl però non sarà operativo da subito su tutte le utenze. Si partirà dalla luce con le bollette che non sono scadute. In seguito tra un anno, si passerà a quelle del gas con scadenza oltre il gennaio 2019. Ed infine per ultimo le bollette dell’acqua con scadenza di pagamento dopo il 20 gennaio 2020.
Un altro passo interessante è che se nel caso il cliente abbia versato delle somme ingiustamente avrà diritto al rimborso, tramite conguaglio ovviamente, entro tre mesi. Il ddl sarà applicato ai consumatori privati e alle microimprese e agli studi professionali.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.