Aumento IVA, tutto rimandato al 2019: si passerà al 25%



Aumento IVA, tutto rimandato al 2019: si passerà al 25%




Tutti stavano aspettando la conferma e la legge di bilancio 2018 l’ha confermata, l’aumento IVA ci sarà e si farà ma fortunatamente non nel 2018 come tutti si aspettavano ma dal prossimo 1 gennaio 2019.
Un aumento che influirà sicuramente sul bilancio familiare con l’aliquota che passerà dal 22% al 25%, mentre quella ridotta dal 10% al 11,5%. Questo significa che nel 2019 ci saranno aumenti sulle materie prime, su tutti i generi alimentari e logicamente su acqua, luce e gas.

Aumento IVA il 2019 la prima mini stangata

Quella del 2019 sarà la prima mini stangata e che nn sarà l’ultima, infatti gli aumenti dell’IVA sono previsti anche a gennaio 2020 con l’aliquota del 10% che passerà al 13% e quella del 22% che passerà al 24,2% nel 2019 e al 25% nel 2021.
Questo aumento IVA si aspettava da anni ed era inserito nella legge di stabilità del 2015 che prevedeva un aumento costante IVA a partire dal 2016.
Fortunatamente il 2018 sarà un anno di transizione che non prevede un aumento IVA e che darà quindi un attimo di respiro alle famiglie ma anche alla piccola media impresa.
Chiaramente a rimetterci saranno principalmente i consumatori finali che vedranno l’aumento di tutte le materie prime. Non verranno inclusi negli aumenti i beni di prima necessatià come il pane per esempio che hanno IVA al 4% e che non sarà oggetto di aumenti.

Quali prezzi aumenteranno con l’ aumento IVA

Per quanto riguarda i beni che aumenteranno a causa dell’ aumento IVA dobbiamo annoverare molti
generi alimentari, parliamo di latte, carne, pesce, frutta e verdura ma soprattutto la luce, l’acqua e il gas.
Un aumento IVA che graverà sostanzialmente sulle famiglie e sul bilancio familiare già messo a dura
prova dall’elevata pressione fiscale.
Chiaramente ancora non è confermato che il 2019 sarà l’anno previsto per l’aumento IVA, infatti come è
successo per il 2017 e anche per il 2018 il governo Gentiloni è riuscito nella proroga, prevista come
punto fondamentale di governo, al 2019. In ottica elezioni, dopo lo scioglimento delle camere di ieri, si
dovrà aspettare la formazione del nuovo governo, se i numeri lo permetteranno, e capire i vari punti
che saranno messi in calendario sul piano finanza.

 






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.