Esenzione ticket 2018 cosa cambia con la legge di bilancio



Esenzione ticket 2018 cosa cambia con la legge di bilancio




Molte cose sono cambiate in ambiti fiscali con la nuova legge di bilancio 2018, una di queste potrebbe essere l’abolizione del super ticket che alcune regioni applicano sulle ricette sulle visite specialistiche e diagnostiche. Ovviamente rimarrà l’esenzione ticket 2018 che sarà destinato ad alcune categorie.
Una detrazione fiscale 2018 che potrebbe abbassare notevolmente il costo della sanità per i contribuenti che ogni anno di trovano a fare i calcoli per accedere alle cure. Ricordiamo infatti che da ultimi dati gli italiani che non possono permettersi e quindi hanno rinunciato alle cure mediche sono circa 12 milioni un numero elevatissimo in un paese come l’Italia.

Esenzione Ticket 2018 chi ne ha diritto

Fortunatamente alcune categorie più deboli possono accedere all’esenzione del ticket sanitario che
ovviamente permetterà di evitare tante spese e quindi accedere prima di tutto alle cure primarie e nel
caso a quelle specialistiche.
Prima di tutto vediamo chi può accedere e chi ha diritto all’esenzione ticket 2018 e quindi usufruire
gratuitamente della sanità pubblica. Chiaramente ai primi posti per la detrazione ticket sanitario 2018 ci
sono le famiglie a basso reddito e gli anziani, successivamente malati di alcune patologie e gli invalidi
civili.
Nel dettaglio possono accedere all’esenzione ticket sanitario 2018 chi si trova in queste determinate condizioni di vita: basso reddito, anzianità, invalidità civile, determinate patologie, condizione sociale, gravidanza, accertamento dell’HIV e dignosi di tumori precoci.
Ovviamente per accedere all’esenzione ticket 2018 occorre fare domanda alla ASL per ricevere il cedolino che attesta che la persona abbia realmente l’esenzione ticket 2018.

Super ticket si pagherà o no?

Uno dei punti della nuova legge di bilancio 2018 era la cancellazione del super ticket e che prevedeva
quindi l’ugaglianza in tutte le regioni d’Italia sul lato sanitario. La tassa aggiuntiva attualmente è di 10
euro e viene pagata in diverse regione come Lazio, Abruzzo, Campania, Puglia, Sicilia, Calabria e Molise.
In altre regione invece il super ticket varia e dipende dal reddito familiare. Un azione importante che
farebbe in modo di rendere equilibrate le regioni senza disparità ad esempio tra nord e sud, lo scoglio
da superare è capire se lo stato italiano abbia fondi necessari per effettuare questa manovra.
Attualmente ancora non si sa se sarò possibile eliminare il super ticket sanitario.






1 Trackback / Pingback

  1. Ticket sanitario 2018 quando si può richiedere l'esenzione

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.