Mutui bancari per comprare casa, quello che si deve sapere



Mutui bancari per comprare casa, quello che si deve sapere




Quando pensi di comprare un immobile ti trovi a confrontarti con la selva oscura dei mutui bancari. Ecco alcuni consigli prima di valutare i mutui bancari acquisto casa da seguire quando inizi a pensare ad una nuova abitazione o ad una ristrutturazione. Molto importante è sfatare alcuni luoghi comuni legati all’acquisto casa con mutuo bancario e su come ottenerlo. Inoltre le sigle mutui bancari spesso sono un freno se non si conoscono bene. Di seguito tutto quello che c’è da sapere sui mutui bancari.

Mutui bancari, prima di scoraggiarvi meglio informarvi

Abbiamo pensato che prima di avventurarvi nel vagliare i mutui bancari che le banche offrono, è bene sapere e conoscere tutto quello che ruota intorno a questo mondo e cosa si deve sapere per evitare di avere problemi in futuro. Prima di tutto:

  1. Anche se hai il capitale per comprare la casa dei tuoi sogni senza mutuo, siediti e respira. Molte banche fanno tassi più bassi se hai capitali interessanti posizionati nel risparmio gestito. Senza scartare il vantaggio fiscale che puoi portarti dietro negli anni di durata del finanziamento.
  2. Fatti seguire da qualcuno esperto e di tua fiducia, meglio se un consulente finanziario che potrà aiutarti a fare chiarezza sui vari aspetti che possono impattare su un impegno di lunghissimo periodo.

Chiariti questi due punti iniziamo a prendere confidenza con alcuni termini, spesso sigle, con le quali dovrai certamente avere a che fare quando ti approcci per la prima volta ad un mutuo bancario acquisto casa.

Le sigle utilizzate nei mutui bancari

  • T.A.N. È il Tasso Annuo Nominale ovvero il tasso “puro” al quale andrai a “comprare” il denaro che ti serve per portare a termine l’operazione di acquisto della casa dei tuoi sogni.
  • T.A.E.G. È il Tasso Annuo Effettivo Globale. Si tratta del tasso finito che pagherai per il capitale di cui avrai bisogno. Il T.A.E.G. è, infatti, inclusivo oltre che del T.A.N. anche di tutti quei costi che graveranno sull’operazione. Ad esempio le spese di incasso rata, i costi del conto corrente, i costi delle polizze assicurative sull’immobile e sulla persona che dovrai (e lo consiglio sempre) sottoscrivere per proteggere te e la banca.
  • EURIBOR È anch’esso un acronimo. Significa, infatti EURo Inter Bank Offered Rate ed è il tasso di riferimento nella zona euro al quale le banche si prestano il denaro tra loro. Di solito per i mutui a tasso variabile viene preso come parametro quello trimestrale che ha, appunto, variazioni trimestrali. Fate attenzione perchè ultimamente per alcuni preventivi di mutuo viene preso come riferimento l’Euribor mensile. Questo è sempre stato storicamente più basso del trimestrale, ma ha oscillazioni molto più marcate.
  • EURIRS Acronimo di Euro Interest Rate Swap è il tasso di interesse medio con il quale le banche si coprono dai rischi di variazioni di tasso e, quindi, viene preso in considerazione per i mutui a tasso fisso.

Siete ancora confusi?

In sintesi il mutuo è un tipo di operazione di lunghissimo periodo che impegna una famiglia di solito per 30 anni. Controllate bene non solo la rata, ma anche il servizio, le opzioni, le condizioni e le caratteristiche globali che caratterizzano tutta l’operazione. Spesso la rata più bassa non è un indicatore del mutuo migliore.
In linea generale evitate di immobilizzarvi con il contratto, ma cercate sempre il maggior ventaglio di possibilità. Non potete sapere che esigenze avrete da qui a 30 anni. Comunque ricorda sempre che hai a disposizione dei “cambi”: surroga o scambio. Confronta, chiedi e parla con una persona esperta e di tua fiducia.






Informazioni su Simone Funghi 2 Articoli
Un marito, un papà, un nerd, un consulente finanziario. Preparazione e Diversificazione sono le linee guida della sua professione. Cerca di rendere chiari i concetti finanziari ed economici perché siano accessibili a tutti e non solo agli addetti ai lavori. Nel dubbio: Diversifica Et Impera