Scadenze fiscali, ecco le prossime in calendario



Scadenze fiscali, ecco le prossime in calendario




Le prossime scadenze fiscali sono fissate a partire dalla fine del mese di aprile a seguire. Va da sè che avere un calendario fiscale 2018 sul quale aggiornare le date per il pagamento tasse è molto importante anche perchè di aiuterebbe a regolarizzare in tempo la nostra posizione con il fisco.

Scadenze fiscali: ecco il calendario

Come anticipato le prossime scadenze sono fissate per il 30 aprile, data entro la quale bisognerà presentare la dichiarazione Iva 2018 anno 2017 trasmettendo in via telematico il modello annuale.

Spostando l’attenzione sulle scadenze fiscali nel mese di maggio, entro il 15 e 16 dovranno essere comunicati i dati del canone tv all’Agenzia delle Entrate, sarà possibile la rottamazione delle cartelle bis 2018, ovviamente provvedendo ad inviare l’apposita domanda all’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Con stessa scadenza anche il versamento dell’Iva del primo trimestre 2018, il versamento degli F24. Queste sono alcune delle scadenze fiscali più importanti da tenere a mente. A seguire, entro il 31 del mese, c’è la scadenza per chi deve inviare i dati delle fatture emesse e ricevute ne primo trimestre.




Per quanto concerne il mese di giugno, invece, il 16 deve essere segnato con il bollino rosso per il pagamento tasse  riguardante la rata Iva per l’anno 2017 risultante dalla dichiarazione Iva 2018.

Regolarizzare la propria posizione

Per regolarizzare la propria posizione con il fisco con la stessa scadenza è necessario pagare la prima
rata 2018 in acconto o unica soluzione dell’Imu e della Tasi.

Le scadenze fiscali più importanti del mese di luglio sono previste per il 2, quando si dovrà versare il
saldo 2017 e la prima rata acconto 2018 in unica soluzione dalla dichiarazione Irap. In caso, è possibile
versare quanto dovuto anche al 30 luglio, che slitta a lunedì 31 luglio, maggiorando le somme dello
0,40%.

Entro il 9 di luglio, invece, ci sarà l’attesissima scadenza per la presentazione del modello 730 ordinario
2018.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*