Esenzione TARI è possibile ottenerla oppure no? Ecco le condizioni



Esenzione TARI è possibile ottenerla oppure no? Ecco le condizioni
Foto: Ansa




Tutti negli ultimi anni abbiamo familiarizzato con la Tari, altro non è che la tassa sui rifiuti. La legge prevede che l’imposta debba essere pagata da tutti coloro i quali sono in possesso di locali,  a qualsiasi uso, che potenzialmente possono produrre rifiuti urbani anche se è possibile ottenere l’esenzione Tari in alcune determinate situazioni. Proprio in questi giorni tra l’altro stanno arrivando i bollettini della tassa sui rifiuti.

Il pagamento Tari viene utilizzato per coprire i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Il pagamento nettezza urbana è composta una parte fissa e una variabile. La prima corrispondente al costo del servizio, determinata dalla superficie dell’abitazione la seconda è proporzionale alla quantità di rifiuti prodotti.

Esenzione Tari: come ottenerla

Molti dei tributi, sia comunali che nazionali, prevedono alcuni casi di esenzione. Stesso discorso vale anche per il pagamento Tari. Sono comprensibilmente esenti dal pagamento nettezza urbana i locali e le aree inutilizzabili, poiché non possono produrre rifiuti.

Per rientrare in questa particolare categoria è necessario che l’inutilizzabilità sia verificabile oggettivamente. Questo può avvenire se l’immobile in questione non è dotato di collegamenti alla rete elettrica, idrica e fognaria.




Il pagamento Tari non è previsto se la casa o il locale siano inagibile o inabitabile. Nel caso in cui il locale sia attrezzato con allacciamenti di vario tipo è tassabile, anche se di fatto è inutilizzato anche solo per parte dell’anno.

Discorso similare per quanto le aree condominiali che non sono utilizzate in via esclusiva come ad esempio l’androne e le scale di un palazzo.

Per richiedere l’esenzione o la riduzione dal pagamento nettezza urbana è possibile fare richiesta al comune di riferimento. Esistono ovviamente diverse moduli per richiedere esenzioni, sconti o riduzioni, disponibili generalmente all’interno del sito web dell’Ente di riferimento.

Per quanto concerne la scadenza Tari, questa viene determinata dal comune di riferimento. Sarà proprio questo ad inviarvi a casa il bollettino Tari per mettere in regola la vostra posizione.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.