TARI arrivano le bollette della tassa sui rifiuti



TARI arrivano le bollette della tassa sui rifiuti




La Tari, o tassa sui rifiuti, è un’imposta che devono pagare tutti coloro sono in possesso di un’abitazione, un immobile o un locale che potenzialmente può produrre rifiuti.
Il pagamento Tari può variare da città a città, proprio perche questa è un’imposta comunale. Di conseguenze anche la scadenza Tari può cambiare, anche se in linea generale sono definite una serie di date per il pagamento nettezza urbana.

Nella gran parte delle città della penisola la scadenze Tari è prevista: per quanto riguarda il primo bollettino Tari riguardante il periodo da gennaio ad aprile è fissata per il 31 maggio, passando al periodo tra maggio ed agosto la scadenza della tassa sui rifiuti è fissata al 31 luglio e l’ultima tra settembre e dicembre con bollettino tassa sui rifiuti da pagare entro e non oltre il 30 novembre.

Come anticipato, però, sono molti i comuni di città grandi e piccole che per svariati motivi possono modificare le date sopracitate, sia quella relativa ad un solo periodo che per tutto l’anno.

Il pagamento tassa sui rifiuti urbani in genere è possibile effettuarlo tramite i bollettini appositamente inviati a domicilio e in alcuni, seppur rari casi, anche online.




Pagamento Tari: come ottenere l’esenzione

Come la maggior parte delle imposta anche la Tari prevede alcuni casi di esenzione. Sono
comprensibilmente esenti dal pagamento i locali e le aree inutilizzabili, poiché non possono produrre
rifiuti.

Si è esenti dal pagamento Tari se la casa o il locale risulti inagibile o inabitabile. Nel caso in cui il locale
sia attrezzato con allacciamenti di vario tipo è tassabile, anche se di fatto è inutilizzato anche solo per
parte dell’anno, perchè potenzialmente si potrebbero produrre rifiuti.

Per i locali e le aree condominiali, cioè le parti del condominio che non sono utilizzate in via esclusiva
come ad esempio l’androne e le scale di un palazzo, i condomini sono esenti dal pagamento nettezza
urbana