Investimenti 2018, scegliere il giusto piano di risparmio



Investimenti 2018, scegliere il giusto piano di risparmio




Le possibilità di investimenti 2018 sono molte di più di quelle che si possano pensare. La prima idea che può venir in mente sono i fatidici buoni fruttiferi postali, buoni che permettono di depositare un determinato capitale e riprenderlo in un secondo momento quando hanno maturato una determinata percentuale d’interesse.

Ad ogni modo, nel gennaio 2016, sono stati introdotti sul mercato i cosiddetti PIR (Piani Individuali di Risparmio). I PIR, fino ad oggi, sono riusciti a raccogliere ben 10 miliardi nel 2017 e si prevede che si arrivi a 50 miliardi nell’arco di 30 anni. Quindi prima di scegliere è bene capire quale forma di investimento scegliere.

Investimenti 2018: Piani Individuali di Risparmio

Innanzitutto, è opportuno precisare che i PIR hanno alcune regole piuttosto rigide ed è per questo che,
nella maggior parte dei casi, lo sgravio fiscale dato dal PIR arriva agli intermediari sotto forma di costi
maggiori. Vediamo comunque nello specifico cosa sono i PIR.

I PIR sono sostanzialmente “contenitori” in cui vengono inseriti piani e strategie per risparmiare
non solo dal punto di vista finanziari ma ragionare anche da quello giuridico
. Infatti, durante il PIR
si considera la gestione patrimoniale, le obbligazioni, i depositi, i conti correnti e tutto ciò che riguarda
sia il lato giuridico che finanziario .




Nella sostanza, con il PIR è obbligatorio investire almeno il 70% del capitale per aziende Italiane e il 30% di tale quota necessità d’esser investita da aziende che non risultano quotate nell’idice Ftse Mib di Borsa Italiana. Infine, la quota che viene investita su un singolo soggetto non deve superare il 10% della quota totale.

Ma a chi sono rivolti i PIR? Sostanzialmente, i PIR sono destinati a chi desidera fare investimenti fuori dall’attività d’impresa. Così facendo, si può avere numerosi vantaggi fiscali ed investire a lungo termine. Detto questo, a differenza dei buoni fruttiferi postali, il PIR può esser considerato un investimento vero e proprio che considera sia il lato giuridico sia quello finanziario, programmando un investimento il più sicuro possibile.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.