Investimenti 2018, investire all’estero conviene oppure no?



Investimenti 2018, investire all’estero conviene oppure no?




Quando si deve parlare di investimenti 2018,  è possibile farlo in molteplici modi, non solo a livello nazionale, ma anche puntanto sul mercato estero. Spesso si cerca una seconda casa da affittare oppure per le proprie vacanze. Vediamo nello specifico dove sono i migliori posti dove investire i propri risparmi e come poterlo fare.

Detto questo, uno degli investimenti più in voga quando si parla di estero è quello di investire a livello immobiliare. Non solo per motivi d’affitto o di vacanza, ma anche quando si desidera lavorare all’estero si può aver bisogno di una casa propria.

Investimenti 2018, i luoghi in cui investire all’estero

Fra le mete più ambite per quanto riguarda gli investimenti esteri europei rientrano la Spagna e la Gran Bretagna. Città come Londra, Madrid e Barcellona sono gettonatissime fra gli investitori internazionali. Questo perché non solo queste città sono fra le più frequentate in Europa, ma perché le occasioni immobiliari sono notevoli.

Spesso le quotazioni in Spagna oscillano fra i 1800 euro ai 4000 euro al metro quadro, considerando che la città presenta sia quartieri di lusso sia quartieri periferici. Da notare che molti sono i pensionati che comprano una casa all’estero, anche perché così facendo spesso riescono a riscuotere una pensione maggiore. Molti sono i pensionati che vanno verso territori isolati come le Canarie, le Baleari o le isole di Capo Verde.




Quindi non solo Spagna, ma anche Portogallo. Infatti, un posto come Lisbona offre monolocali in condizioni ottimali al prezzo di 100.000 euro. Anche il Portogallo è una metà perlopiù ambita dai pensionati, non solo per l’agevolazione dei costi ma anche per il clima favorevole che offre.

Si potrebbe spendere due parole anche sulla Grecia, soprattutto per quanto riguarda i suoi paesaggi ed il suo clima, anche se il tenore di vita in questi anni non è esattamente favorevole. Altra meta da non perdere è anche l’Albania, che sembra essere in buona ripresa economica.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.