Partita iva semplificata o regime dei minimi



Partita iva semplificata o regime dei minimi




Dalla Legge di Stabilità modificata nel 2016 si evince che sono stati introdotti i regimi agevolati per coloro che hanno i requisiti adatti e che abbiano la partita iva. Sono stati molti i cambiamenti minimi dal regime dei minimi, si parte col dire che si considerano in primis gli operatori di ridotte dimensioni.
Ci sono però dei dubbi che riguardano la scelta dei requisiti minimi, oppure della partita IVA semplificata e per fare ciò di seguito analizzeremo entrambi i casi per poi raggiungere una conclusione per dedurre se era meglio l’ex regime o meno.

La scelta del Regime dei minimi

Il regime forfettario applicabile dal 2015 e modificato nel 2016, ha previsto rilevanti semplificazioni ai
fini IVA e contabili, inoltre ha reso possibile la determinazione forfettaria del redito da assoggettare a
un’unica imposta in sostituzione a quelle previste nel modo ordinario.

Per il regime dei minimi è stato abolito ed al suo posto è arrivato il nuovo regime forfettario con aliquota al
15%, si tratta del regime naturale delle persone fisiche che svolgono attività imprenditoriali in maniera
individuale, ovviamente devono anche rientrare nei requisiti che sono previsti dalla legge.

Il regime forfettario non prevede scadenze legate al numero di anni di attività o al raggiungimento di una certa età anagrafica ma l’applicazione è legata alle condizioni appunto del possesso dei requisiti.




La scelta della partita IVA agevolata

Per quanto riguarda invece la partita IVA, i soggetti che svolgono attività di impresa, possono
partecipare al regime forfettario se nell’anno precedente d’esercizio hanno soddisfatto dei requisiti
quali: hanno conseguito ricavi o compensi ragguagliati ad anno e non superiori ai limiti indicati dalla
legge, hanno sostenuto spese per lavori accessori non superiori a 5000 euro lordi.

Hanno sostenuto spese per acquisto di beni ammortizzabili con una spesa non superiore a 20000 euro,
non hanno redditi superiori a 30000 euro lordi. Si sono avute delle semplificazioni come ad esempio
l’aliquota d’imposta sostitutiva pari al 5% per i primi 5 anni di attività imprenditoriale e pari al 15% dal
sesto anno per le nuove attività.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.