Regime forfettario, tutto quello che c’è da sapere



Regime forfettario, tutto quello che c’è da sapere




Quando si deve fatturare un regime forfettario, spesso si hanno mille domande, soprattutto nel 2018 con nuove formule e diciture. Proprio per questo motivo per capire come funziona il regime forfettario sono stati rilasciati dei modelli fac simile, che consentono di comprendere come si deve fatturare il tutto e soprattutto esempi di bollo, annotazione operazione in franchigia IVA e intracomunitarie e in reverse charge.

Il regime forfettario 2018 è un nuovo modello che è stato utilizzato quest’anno con la nuova manovra nei requisiti d’accesso sia per i coefficienti di redditività di 30.000 euro per professionisti e invece per tutte le attività ATECO è arrivato ad un +10.000 euro.

Regime forfettario, chi ne ha diritto

Oltre a chi, come detto in precedenza ha il diritto di rientrare nel regime forfettario, ci sono anche gli
anziani che hanno un reddito che non supera i 30.000 euro e 5 anni di imposta al 5% per le startup. Per il resto invece è tutto invariato, a partire dagli adempimenti fiscali fino ad arrivare agli esoneri e regimi forfettari che incidono sulle fatture.

Nel regime forfettario 2018 sono previste semplificazioni tra cui: Divieto di rivalsa, divieto di detrazione IVA, Esonero di ritenute d’acconto sui ricavi/compensi percepiti, Esonero dall’obbligo di registrazione delle fatture emesse, esonero liquidazioni IVA, esonero dalla certificazione dei corrispettivi ed esonero dallo Spesometro.




Inoltre è importante ricordare che non si è tenuti ad operare ritenute sui redditi erogati e se il forfettario è un imprenditore, i contributi INPS possono essere versati in base al reddito dichiarato e non in base al reddito minimale.

Regime forfettario come si deve fatturare

Nella fattura emessa deve  esserci prima di tutto, tutto l’elenco dei dati che sono indicati dall’articolo 21
D.P.R n. 633/1972, le apposite diciture per indicare che chi ha emesso la fattura rientra nel regime
forfettario, quando si tratta invece di persone che emettono fatture per soggetti passivi IVA negli altri
paesi europei, non si tratta di cessioni intracomunitarie ma interne.

Il caso di cessioni estere invece la dicitura delle fattura deve contenere i riferimenti dell’articolo 8 D.P.R.
n. 633/1972 ricordando che l’operazione non è imponibile ai sensi dell’articolo 21, comma 6 lett. B del
decreto legge sopra citato.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.