Pensioni Integrative che cosa sono e a cosa servono



Pensioni Integrative che cosa sono e a cosa servono




Durante gli anni lavorativi si va ad accumulare una certa quantità di contributi che saranno il nostro fondo pensione quando poi si raggiungeranno gli anni di contributi minimi. Tuttavia, può capitare che i contributi che si verseranno lavorando non saranno sufficienti per assisterci durante la pensione. Per questo motivo esistono le pensioni integrative.

La pensione integrativa non è altro che una possibilità di mettere più soldi da parte. Naturalmente, è possibile metterli da parte anche in autonomia, ma ci sono vari opzioni per poter fare una pensione integrativa. Vediamo di seguito come poter scegliere una pensione integrativa.

Scegliere la giusta pensione integrativa

Una fra le prime cose da considerare è comprendere esattamente a quanto ammonterà la pensione che si riceverà grazie ai contributi previdenziali. Con l’opzione “La mia pensione” all’interno del sito dell’INPS è possibile controllarlo periodicamente.

Una volta che si è capita la cifra che ci spetta, è necessario sommare il Tfr netto ad essa. Patronati ed enti analoghi saranno capaci di calcolare la cifra del Tfr per poi aggiungerla alla pensione depositata con i contributi.




Pensione integrativa e fondi pensione

A questo punto, si possono usare i cosiddetti fondi pensione per costruire una pensione integrata. Sostanzialmente, il fondo pensione preleva un tot ogni mesi dal proprio conto, così da accantonare denaro ulteriore per la pensione. Può essere a fondo aperto (creato e gestito da banche o da assicurazioni) a fondo chiuso (creata per determinate categorie di lavoratori), oppure esistono anche i piani di previdenza individuale, che si basano principalmente su basi di polizze d’assicurazione.

Detto questo, se si sceglie di fare un fondo pensione è come se si scegliesse di pagare una doppia pensione per un lungo periodo di tempo. La differenza è che con il fondo pensione decidiamo autonomamente quanto far prelevare dagli enti con cui si collabora per la pensione integrativa. È infatti consigliato scegliere la pensione integrativa che fa al proprio caso, individuando la cifra più abbordabile da investire.