Fattura elettronica, minimi e forfettari vediamo come funziona



Fattura elettronica, minimi e forfettari vediamo come funziona




La fattura elettronica è oramai un documento valido a tutti gli effetti. Basti pensare che dallo scorso marzo 2015 fare la fattura elettronica è diventato obbligatorio per tutti gli enti pubblici e, dal prossimo 1° gennaio 2019, diventerà obbligatoria anche per i privati.

Cos’è nella sostanza una fattura elettronica? È semplicemente una fattura in formato digitale che, con l’ausilio del Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate è possibile creare e compilare fatture digitali con formato .xml.

Ad ogni modo, è opportuno precisare che anche se risulterà obbligatoria anche fra privati nel prossimo 2019, ci sono soggetti come vecchi minimi e contribuenti sotto regime forfettario che non avranno l’obbligo di emettere fattura elettronica.

Esenzione dall’obbligo di fatturazione elettronica

Dal prossimo 1° gennaio 2019, la fattura elettronica diventerà obbligatoria tra privati ma tutti i soggetti
che rientreranno tra i vecchi minimi e quelli che applicheranno un regime forfettario saranno
esenti dall’obbligo della fatturazione elettronica verso soggetti passivi Iva
. Tali soggetti sono, nello
specifico, tutti coloro che andranno ad effettuare cessioni di beni e servizi che risultano soggetti ad Iva
all’interno della propria attività d’impresa o dell’attività professionale in questione.




Di conseguenza, sia i vecchi minimi che i soggetti sotto regime forfettario potranno continuare ad
emettere fatture cartacee o elettroniche (senza nessun obbligo vincolante), sempre comunicando tutti i
dati necessari all’Agenzia delle Entrate.

È opportuno precisare che i vecchi minimi che guadagneranno fino ai 30 mila euro l’anno avranno un’agevolazione che durerà fino a 5 mesi, ovvero un’aliquota del 5% sul fatturato. In tale regime potranno rientrare tutti i contribuenti che hanno provveduto ad aprire la propria partita Iva fino al 2015.

Nel caso dei soggetti a regime forfettario che hanno guadagni fino ai 30 mila euro l’anno, l’aliquota è del 15% e non ci sono particolari agevolazioni temporali. L’unica agevolazione riguarda il regime forfettario stesso, che prevede un’aliquota del 5% nei primi cinque anni.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.