Mutui bancari, ecco il quadro della situazione attuale tra fisso e variabile



Mutui bancari, ecco il quadro della situazione attuale tra fisso e variabile




Nonostante il tasso variabile sui mutui bancari sia ai minimi storici negli ultimi mesi (sotto l’1%), gli italiani continuano a preferire la “certezza” del tasso fisso. Il tasso prestabilito è il preferito anche dalle banche che, per invogliare ancor di più i clienti ad indirizzarsi verso questa soluzione,
stanno abbassando sensibilmente anche gli spread. La percentuale dei mutui a tasso fisso cresce ancora sensibilmente fino a sfiorare l’80% del totale dei mutui,
al ribasso invece la scelta del tasso variabile che vacilla intorno al 18%.
Gli italiani infatti grazie ad alcune piattaforme di comparazione presenti su internet hanno cominciato a rendersi conto dei mutui più convenienti e indirizzarsi verso gli istituti di credito che li propongono.

Mutui bancari, possibilità di enormi vantaggi

Si abbassa anche la percentuale di finanziamento rispetto al costo di acquisto dell’immobile,
e ciò facilita la situazione e migliora le condizioni del mutuo, con la possibilità di spuntare enormi vantaggi in caso di loan to value sotto il 50%.
Infine si rileva anche una crescita delle surroghe del mutuo,
ovvero coloro che desiderano sostituire il proprio mutuo con un altro a condizioni più vantaggiose.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.