Fatturazione marca da bollo virtuale come funziona



Fatturazione marca da bollo virtuale come funziona




Con l’avvento del web e delle tante applicazioni ad esso connesse è cambiato anche il mondo delle fatturazioni e in molti hanno imparato le nuove tecniche su una fatturazione più comoda e veloce. Ricordiamo che dal 2019 sarà obbligatoria la fattura elettronica.

La fattura, infatti,  è un documento fiscale obbligatorio emesso da un soggetto fiscale che sia essa azienda, libero professionista o chiunque sia in possesso di partita Iva, per comprovare l’avvenuta cessione di beni o prestazione di servizi e il diritto a riscuoterne il prezzo, indipendentemente dalla tipologia che sia partita iva semplificata o a regime completo, la fattura è comunque necessaria.

Fatturazione per regime agevolato, la marca da bollo

Inoltre è obbligatorio apporre la marca da bollo sulle fatture con importi superiori ad € 77.47,
questa va applicata sia se sono in formato cartaceo che con il bollo virtuale. Sulle fatture con importi inferiori a € 77.47 la marca da bollo non va mai applicata.

Se le fatture presentano contemporaneamente importi soggetti ad Iva ed importi non soggetti,
la marca da bollo va applicata solo qualora gli importi non soggetti ad Iva siano superiori a € 77.47.




Per chi emette tante fatture la soluzione ideale è quella di utilizzare il bollo virtuale.
In questo caso, non sarà più necessario acquistare la singola marca da bollo,
ma basterà presentare una dichiarazione telematica entro il 31 gennaio di ciascun anno, utilizzando i servizi dell’Agenzia delle Entrate in prima persona o facendosi aiutare un intermediario abilitato come ad esempio il proprio commercialista.

In tale Dichiarazione, si andrà a riepilogare il numero di documenti soggetti a marca da bollo emessi nell’anno precedente.
Due sono le sezioni di cui la dichiarazione è composta: nella prima è necessario inserire i propri dati, i dati del rappresentante che firma la dichiarazione e del soggetto che si impegna alla presentazione telematica e i dati generali, con l’autorizzazione all’assolvimento dell’imposta di bollo virtuale;
nella seconda parte, bisogna compilare il quadro A se ci si riferisce a documenti e atti soggetti a imposta fissa,
o il quadro B in caso siano soggetti invece a imposta proporzionale.



1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.