Pace fiscale, che cos’è?



Pace fiscale, che cos’è?




Con il nuovo governo appena entrato composto da Lega e M5S si sente parlare spesso della cosiddetta Pace Fiscale e di un condono da parte di Equitalia. Ma che cos’è la Pace Fiscale nello specifico? È una sorta di riduzione drastica di gran parte delle cartelle di Equitalia che permette a soggetti indebitati (ed impossibilitati ad estinguere i propri debiti) di ridurre notevolmente la cifra da corrispondere.

Attualmente, si ha una stima che la Pace Fiscale verrà introdotta nella nuova Legge di Stabilità 2019 con il nuovo governo, anche se le procedure risultano ancora da concretizzare. Vediamo nello specifico quali saranno i cambiamenti che porterà la Pace Fiscale.

Estinzioni di debiti e pace fiscale

Nello specifico, con la pace fiscale tutti i contribuenti che hanno emesso cartelle fino al 2014 (fino ad un massimo di 200.000 euro) dovranno pagare un importo che corrisponderà ad alcune aliquote specifiche (25%, 10% e 6%) considerando il reddito del debitore.

Ad esempio, se la pace fiscale corrisponderà al 6%, il contribuente che presenta difficoltà economiche e non riesce ad estinguere debito di 150.000 euro potrà arrivare ad un importo di 9.000 euro (grazie al processo di “saldo e strascico”).




Si potrà dedurre che, se il contribuente in questione presenta debiti di 200.000 euro ed avrà un’aliquota del 10% dovrà corrispondere una cifra che si aggirerà sui 20.000 euro. Infine, per l’aliquota del 25%, se un contribuente avrà debiti sui 100.000 euro, dovrà corrispondere una cifra che si aggirerà sui 25.000 euro.

Detto questo, l’attuazione della Pace Fiscale considererà in primis il reddito del singolo, così da poter applicare l’aliquota in questione. Inoltre, sembra che con la Pace Fiscale il governo riuscirà a recuperare somme di denaro che sembrano aggirarsi sui 35 miliardi di euro.