Carta di credito con o senza Iban, quale scegliere



Carta di credito con o senza Iban, quale scegliere




Oggigiorno è possibile gestire le proprie operazioni finanziare aprendo un conto corrente bancario. Ad ogni modo, ci sono anche altri modi per poter effettuare trasferimenti di denaro e bonifici: stiamo parlando delle fatidiche carte prepagate con IBAN.

Queste ultime sono una sorta di conto corrente tascabile che permettono al soggetto che la possiede di effettuare pagamenti, inviare bonifici e ricaricare la carta in questione. I costi sono minori rispetto ad un comune conto corrente, anche se presentano alcune piccole limitazioni. Vediamo nello specifico quali sono le principali differenze tra una carta di credito con IBAN ed una comune carta di credito di un conto corrente.

Carte prepagate con IBAN: cosa cambia?

Aprendo un conto corrente si ha a disposizione una carta di credito con cui poter effettuare pagamenti ed altre operazioni finanziarie. Tuttavia, la carta prepagata dotata di un proprio IBAN può essere comunque un’ottima alternativa.

Tali carte vengono chiamate carte conto e sono, sostanzialmente, carte ricaricabili. Detto questo, la carta non necessità d’esser collegata a nessun tipo di conto corrente. Naturalmente, la carta prepagata con IBAN ha alcune piccole limitazioni. Ad esempio, a differenza di una carta di credito non può andare in rosso e può solamente pagare cifre che corrispondono al denaro presente sulla carta.




Da notare che le carte prepagate con IBAN possiedono il cosiddetto Bic Swift che permette loro di effettuare e ricevere bonifici. Nella sostanza, è una sorta di “conto corrente portatile” che svolge funzioni analoghe ad un conto corrente bancario (ovviamente con le sue limitazioni).

La carta prepagata con IBAN può esser vantaggiosa soprattutto dal punto di vista dei costi. Infatti, le spese di una carta prepagata con IBAN sono minori rispetto a quelle di un comune conto corrente bancario o postale. Basti pensare che queste carte non hanno canoni o imposte di bollo, ma allo stesso tempo non permettono di ricevere o emettere assegni.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.