Tassa di successione, si paga anche per i soldi sul conto?



Tassa di successione, si paga anche per i soldi sul conto




La tassa di successione è un’imposta che deve essere pagata dagli eredi del defunto al momento del passaggio di proprietà dei beni appartenuti al defunto. Questa tassa ha un importo variabile che dipende dai beni ricevuti in eredità e dal grado di parentela con il defunto. Nel caso di un conto corrente, alla morte del titolare, tutto il denaro depositato e tutto ciò che è collegato a quel conto, spetta per legge agli eredi in base alle quote stabilite nel testamento o per legge.

Tassa di successione sul conto corrente

Anche sul conto corrente del defunto grava la tassa di successione che va dal 4% fino all’8% del patrimonio del defunto, in base al vincolo di parentela.

Se il conto era intestato solo al defunto, per avere la successione di questo, gli eredi devono presentare alla banca, il certificato di morte e un modulo da ritirare e compilare presso l’Agenzia delle Entrate (dichiarazione di successione).

Gli eredi devono restituire alla banca tutti gli strumenti di pagamento collegati a quel conto (bancomat, carta di credito, libretto degli assegni) e possono chiedere alla banca tutte le informazioni relative al conto del proprio defunto.




Se, invece, il conto è cointestato:

  • nel caso di conto con firma disgiunta, ogni intestatario può fare qualsiasi operazione autonomamente e può, quindi, disporre della sua quota mentre la restante va divisa fra gli eredi;
  • nel caso di conto con firma congiunta, il conto viene bloccato e il cointestatario e gli eredi devono recarsi insieme in banca per svincolare il denaro depositato.

La tassa di successione in definitiva va pagata per tutti i beni passati in proprietà eccetto che per:

  • titoli di Stato e titoli di debito pubblico;
  • impresa familiare e le partecipazioni a società o cooperative;
  • Trattamento di fine rapporto;
  • beni sottoposti al vincolo di interesse culturale;
  • crediti vantati verso lo Stato o gli enti pubblici istituzionali;
  • beni mobili registrati presso il PRA.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.