Dichiarazione dei redditi i documenti da preparare



Dichiarazione dei redditi i documenti da preparare




Bisogna presentare la dichiarazione dei redditi per poter godere di detrazioni e deduzioni d’imposta sulle spese sostenute nell’anno precedente. In questo periodo infatti si preparano le carte da porta al CAF e quindi è bene capire quale siano le detrazioni fiscali 2019 da recuperare.

Le prossime scadenze fiscali

Le scadenze per la dichiarazione dei redditi sono diverse a seconda del modello da presentare:

  • il 730 scade il 7 luglio se viene presentato da soggetti con sostituto d’imposta;
  • il 730 scade il 23 luglio se viene presentato da soggetti senza sostituto d’imposta;
  • il modello redditi scade il 30 settembre 2019.

Dal 15 aprile, poi, sarà disponibile il modello 730 precompilato presso l’Agenzia delle Entrate.




Dichiarazione dei redditi al CAF

I soggetti che presentano la dichiarazione dei redditi con il 730 ordinario (non precompilato dalla Agenzia delle Entrate) oppure vogliano integrare o modificare il 730 precompilato, devono presentare al CAF o all’intermediario, una specifica documentazione:

  • codice fiscale e documento d’identità del dichiarante e di tutti i familiari a carico;
  • la dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (copia del modello 730 o modello Unico);
  • la documentazione relativa a proprietà, usufrutto o possesso di immobili;
  • l’IMU pagata nell’anno precedente;
  • la certificazione unica dei redditi da lavoro dipendente, pensione e assimilati (che attestino redditi che derivino da indennità pagate al contribuente per cassa integrazione, mobilità o NASPI, da contratti Co Co Co o a progetto, pensioni estere o integrative, borse di studio o assegni periodici dati al coniuge dopo la separazione legale o il divorzio);
  • la documentazione relativa ad altri redditi percepiti, ad esempio per lavoro autonomo occasionale o dividendi da azioni o voucher INPS;
  • le ricevute da versamento del modello F24 per acconto IRPEF;
  • i documenti relativi al credito d’imposto per l’acquisto della prima casa.

Per i soggetti che hanno la cedolare secca per l’affitto, allora sarà necessario consegnare anche i seguenti documenti:

  • la visura catastale dell’immobile dato in locazione;
  • il contratto di locazione registrato all’Agenzia delle Entrate;
  • la ricevuta della raccomandata inviata all’inquilino per la comunicazione di rinuncia all’aumento del canone pattuito nel contratto;
  • la copia del modello RLI per l’adesione alla cedolare secca.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.