Dichiarazione dei redditi precompilata che cos’è?



Dichiarazione dei redditi precompilata che cos’è




L’Agenzia delle Entrate rende disponibile un modello di dichiarazione dei redditi precompilato sia nel modello 730 sia nel modello Redditi. I contribuenti possono decidere di accettare il modello precompilato oppure modificarlo o integrarlo prima di inviarlo. Il contribuente può anche decidere di non utilizzare il modello precompilato e presentare la dichiarazione dei redditi nella modalità ordinaria senza non prima aver controllato tutte le detrazione 2019 in modo da recuperare quello che è possibile recuperare.

Si ricorda che nel 2019, la data in cui sarà disponibile tale modello sul sito della Agenzia delle Entrate è il 15 aprile.

Dichiarazione dei redditi, il modello precompilato

Il contribuente che voglia visionare la propria dichiarazione dei redditi precompilata, lo può fare:

  • sul sito della Agenzia delle Entrate attraverso il proprio PIN e la password accedendo nella sezione “Fisconline”;
  • sul sito dell’INPS se possiede il proprio PIN dispositivo:
  • tramite SPID sui servizi della Pubblica Amministrazione.

La dichiarazione dei redditi precompilata contiene tutta una serie di informazioni:

  • i dati della Certificazione Unica consegnata al dipendente o pensionato dal sostituto d’imposta (cioè datore di lavoro o ente pensionistico) e inviata da questo all’Agenzia delle Entrate.

Tale Certificazione Unica contiene informazioni sul reddito da lavoro dipendente o la pensione, le ritenute IRPEF, le trattenute di addizionale regionale e comunale, i compensi da lavoro autonomo occasionali e altre informazioni.




  • I compensi da lavoro autonomo occasionale certificati;
  • i dati sulle locazioni brevi inviate dagli intermediari immobiliari;
  • gli interessi passivi sui mutui;
  • i premi assicurativi e i contributi previdenziali;
  • i contributi deducibili e/o detraibili che sono stati versati a enti o casse con finalità assistenziali o a società di mutuo soccorso;
  • le spese sanitarie e i relativi rimborsi;
  • le spese veterinarie e i relativi rimborsi;
  • le spese universitarie o alla frequenza di asilo nido e i relativi rimborsi;
  • le spese funebri;
  • le erogazioni liberali a vari enti o istituzioni;
  • i dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell’anno precedente
  • altri dati presenti presso l’Anagrafe Tributaria (come informazioni su immobili o versamenti con F24).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.