Surroga del mutuo, quale documentazione va presentata



Surroga del mutuo




Con la surroga del mutuo è possibile trasferire il proprio mutuo da una banca ad un’altra, in maniera gratuita, in modo da rinegoziarne alcuni parametri (durata, tassi di interessi, spread, importo della rata). La banca originaria, entro 30 giorni lavorativi, deve concedere la surroga del mutuo e la nuova banca (quella subentrante) non può rifiutarla.

Per richiedere la surroga

Per richiedere la surroga, è necessario inviare la richiesta tramite lettera raccomandata alla banca subentrante. La comunicazione, a titolo di conoscenza, deve essere inviata anche alla banca originaria che ha erogato per prima il mutuo.

Alla richiesta deve essere allegata opportuna documentazione (che può variare da banca a banca). In generale, comunque, la documentazione che va presentata quando si procede alla surroga del mutuo contiene documenti anagrafici come:




  • copia del documento d’identità e del codice fiscale degli intestatari del mutuo (e dell’eventuale garante);
  • certificato di nascita;
  • certificato di stato civile;
  • atto di matrimonio rilasciato dal Comune nel quale si è celebrato (se si è coniugati);
  • copia della sentenza di divorzio o separazione (nel caso di divorzio o separazione legale).

Vanno presentati anche documenti reddituali

Vanno presentati anche documenti reddituali che attestino la situazione economica e patrimoniale dell’intestatario (o intestatari del mutuo). Per i lavoratori dipendenti, si tratta degli ultimi due cedolioni dello stipendio e della copia del Cud o del modello 730 o dell’Unico. I lavoratori autonomi, invece, devono presentare l’estratto che certifichi l’iscrizione alla Camera di Commercio Industria e Artigianato.

Infine, i liberi professionisti devono presentare il certificato di iscrizione all’albo professionale e la copia della dichiarazione dei redditi.

Vanno presentati anche i documenti relativi al vecchio mutuo:

  • copia del compromesso;
  • copia dell’atto di acquisto dell’immobile;
  • copia della nota di iscrizione dell’ipoteca (“duplo”);
  • copia del certificato di abitabilità;
  • planimetria dell’immobile con relative pertinenze e proprietà confinanti;
  • conteggi relativi al debito residuo (calcolati al giorno della firma della surroga).

Se l’immobile è stato ricevuto per successione, bisogna farsi rilasciare anche il modello 240 o 4.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.