Fatturazione elettronica, cosa accade se non la utilizziamo



Fatturazione elettronica




A partire dal 2019 è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica cioè l’obbligo di emettere fatture in formato digitale seguendo degli standard precisi e di riceverle e trasmetterle tramite il Sistema di Interscambio (SDI). Ovviamente non vale per chi è esonerato da emettere fattura elettronica.

I soggetti esentati dall’emissione della fattura elettronica sono:

  • medici, farmacie e tutti gli altri operatori sanitari;
  • imprese o lavoratori autonomi che rientrano nel regime di vantaggio;
  • imprese o lavoratori autonomi che rientrano nel regime forfettario;
  • piccoli produttori agricoli;
  • società sportive dilettantistiche;
  • soggetti non residenti in Italia che effettuano o ricevono operazioni.

Tutti gli altri professionisti sono soggetti all’obbligo di fatturazione elettronica e, a partire dal 2020, anche i titolari di partita IVA in regime forfettario che abbiano ricavi fino a 30000 euro saranno tenuti alla fatturazione elettronica.

Sono previste delle sanzioni per ritardo nell’emissione delle fatture elettroniche.

Infatti, a partire dal primo luglio 2019 sono soggetti a sanzioni coloro che emettano le fatture in ritardo mentre, a partire dal primo ottobre 2019, sono soggetti a sanzioni coloro che effettuano la liquidazione periodica IVA con cadenza mensile.




Se la fattura elettronica non è stata emessa

In particolare, se la fattura elettronica non è stata emessa si applica una sanzione che può andare dal 90% al 180% dell’IVA relativa all’imponibile.

Anche chi non riceve la fattura elettronica può essere soggetto a sanzioni, se non si attiva immediatamente. Infatti, il committente deve procedere immediatamente all’emissione di un’autofattura da inviare tramite il Sistema di Interscambio.

Se non procede, incorrerà in una sanzione pari al 100% dell’imposta, con un minimo di 250 euro e un massimo di 2000 euro. Possono scattare delle sanzioni anche nel caso di errori involontari: in questo caso, come si può porre rimedio?

Procedendo all’emissione di una nota di credito a storno della fattura elettronica e alla riammissione della stessa, con nuova numerazione, con l’obiettivo di correggere l’errore della precedente fattura.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.