Tasse scolastiche 2018, quali sono e chi non deve pagarle



Tasse scolastiche 2018




Ogni anno gli studenti e le famiglia si trovano a dover fare i conti con le tasse scolastiche. In realtà è bene sapere che per quanto riguarda la scuola dell’obbligo non esistono pagamenti da fare relativi alle tasse scolastiche 2018, visto che sia il trasporto scolastico che la stessa mensa scolastica non sono assoggettate a tasse ma a servizi erogati.
Il pagamento tasse scolastiche 2018 è invece dovuto a chi frequenta il quarto e il quinto anno scolastico. In realtà non sono cifre altissime ma se calcolato su più figli, per le famiglie in difficoltà potrebbe essere un ostacolo insormontabile. Ecco perché sono previsti degli sgravi grazie all’esonero tasse scolastiche 2018. Ovviamente l’esonero tasse scolastiche ai diversamente abili con la 104.

Tasse scolastiche 2018, chi non deve pagarle

Vediamo nel dettaglio chi non deve pagare le tasse scolastiche e che quindi avrà l’esonero tasse scolastiche 2018. Prima di tutto quali sono le tasse scolastiche che ogni studente deve pagare ogni anno:

  • Iscrizione di 6,04 euro (quarto e quinto anno)
  • Frequenza 15,13 euro anno
  • Tassa esami 12,09 euro
  • Rilascio diploma 15,13 euro

Fortunatamente il Miur ha previsto che per alcune fasce di reddito ci sia la possibilità di richiedere esonero pagamento tasse scolastiche 2018. In questo modo le famiglie che si trovano in un momento di difficoltà potranno mandare i figli a scuola senza avere problemi di pagamento tasse scolastiche. In dettaglio ecco le fasce di reddito relativo allo sgravio fiscale tasse scolastiche:

  • un componente unico: reddito di 5.384 euro
  • due componenti: reddito 8.928 euro
  • tre componenti: 11.474 euro
  • quattro componenti: 13.704 euro
  • cinque componenti: 15.931 euro
  • sei componenti: 18.056 euro
  • sette componenti: 20.1246.

Ricordiamo infine che il contributo scolastico 2018 è una somma di denaro che permette agli istituti di acquistare il materiale che utilizzerà durante l’anno per il benessere ma soprattutto la formazione degli studenti. Quindi si parla di risme di carta, materiale didattico, fotocopie e così via. Da sottolineare che tale contributo scolastico non è assolutamente obbligatorio e non può essere richiesto sotto questa forma alle famiglie degli studenti.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.