Mutuo al 100% prima casa, ecco come funziona



Mutuo al 100% prima casa, ecco come funziona la richiesta




Sono sempre di più gli italiani che chiedono un mutuo prima casa. Al giorno d’oggi l’intento non è solo disporre di una somma sufficiente per acquistare la prima abitazione, ma anche quello di ottenere un mutuo migliore rispetto a quelli che venivano erogati in passato. Un tempo, infatti, il mutuo prima casa si attestava intorno all’80%. In buona sostanza, i tassi mutui migliori riuscivano a finanziare, ovvero a coprire, l’80% del valore della casa.

Oggi, invece, si stanno sempre più diffondendo mutui bancari al 100%, ovvero destinati a finanziare completamente il valore economico della prima casa. Come è facile intuire questo genere di mutui viene maggiormente preferito da chi ha scarsa liquidità, proprio perché rende concretamente attuabile il desiderio di avere una prima casa. Tuttavia, per i mutui al 100% occorre anche considerare alcuni aspetti, primo fra tutti il meccanismo che regola l’operazione finanziaria. Continuando la lettura sarà possibile conoscere come funzionano i mutui 100% prima casa. È sempre bene quando si sta per chiedere un mutuo fare più valutazione in modo da capire quale sia il mutuo bancario più conveniente nel 2018.

Mutuo al 100% sempre più comune

A partire dal 2014 il mutuo 100% è una realtà. Sebbene siano ancora pochi gli istituti di credito in grado di erogare questa tipologia di mutuo, sono già tanti i consumatori che sono riusciti ad ottenerlo. Un mutuo 100% è una grande opportunità, in quanto destinato a coprire per intero il valore dell’immobile. Quest’ultimo viene stabilito sulla base di una perizia e viene offerto a chi ha un lavoro a tempo indeterminato. Anche a coloro che sono assunti a tempo indeterminato da appena 6 mesi, con almeno 4 mesi di validità dopo la stipula del contratto di mutuo e che hanno lavorato, in maniera continuativa, nel corso degli ultimi 18 mesi.

Tuttavia, come precisato da molti istituti di credito, coloro che beneficiano di un doppio reddito familiare hanno molte più probabilità di ottenere un mutuo al 100%. Vista la delicatezza dell’operazione, oltre alla particolarità del prodotto, le banche sono molto prudenti nell’erogare un mutuo al 100% in maniera indistinta. Il rischio di non incassare le rate, a seguito della concessione di un importo che copre interamente l’acquisto di una casa, resta e pur con tutte le garanzie aggiuntive. Inoltre, il sistema bancario versa in una condizione non florida e per questo viene richiesta la stipula di una polizza fideiussoria per la parte eccedente l’80% della somma concessa. Gli istituti applicano condizioni diversificate.




100% ma con un tetto massimo

Ad esempio, vi sono banche che propongono mutui al 100% fino al tetto massimo di 300 mila euro. Altre banche si spingono fino a 400 mila euro. Quanto alla durata media, questa si attesta in 25 anni. Il tasso d’interesse è generalmente variabile, con uno spread che può sfiorare anche il 4,59%. Per ottenere un mutuo al 100% è bene informarsi sugli istituti che lo erogano e verificare l’eventuale offerta per un certo target di clientela, come nel caso dei mutui rivolti ai giovani che solitamente prevedono tassi convenienti, oppure agevolazioni per l’accesso al credito.

Altresì importante sarà verificare attentamente la possibilità di modificare le condizioni applicate in
corso di mutuo, a prescindere che la scelta sia orientata su un mutuo a tasso fisso o variabile. Affidarsi
ad un buon consulente, che illustri chiaramente tutti gli aspetti, anche in termini di spread, è necessario
per non ritrovarsi con un impegno fin troppo gravoso. A tal fine, esistono anche soluzioni assai flessibili
che possono arricchire in contratto. Si pensi alla possibilità di modificare o saltare la rata. Un confronto
fra i vari preventivi aiuterà a trovare il mutuo che faccia al proprio caso.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Mutui a tasso fisso o mutui a tasso variabile, cosa scegliere
  2. Mutui prima casa, LTV in aumento di oltre 7 punti percentuali

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.