Scadenze fiscali associazioni no profit ecco come funziona



Scadenze fiscali associazioni no profit ecco come funziona




Non tutti sanno che anche le associazioni no profit hanno delle scadenze fiscali da rispettare. Questo tipo di organizzazioni non hanno come obiettivo quello di guadagnare soldi dalla propria attività. Tuttavia anche nel loro caso esiste un calendario fiscale 2018 ed è importante essere in regola.

Sono da considerarsi associazioni no profit le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le cooperative sociali, le fondazioni di diritto civile e di origine bancaria, le Onlus.

Ovviamente anche queste devono rispettare alcune normative per quanto riguarda la loro posizione con il fisco, seppure estremamente agevolate nel pagamento tasse.

Prossime scadenze fiscali associazioni no profit

Le scadenze fiscali e il pagamento tasse per le associazioni no profit sono diverse rispetto ad
organizzazioni di altra natura. Le quote associative, ad esempio, non alcun tipo di vincolo e quindi non
sono imponibili Iva e Irap.




Il reddito complessivo degli enti non commerciali è ancora oggi soggetto all’Ires, nonostante la legge
delega n. 80/2003 all’art. 3,  avesse stabilito che detti enti fossero soggetti all’imposta sul reddito
equiparandole alle persone fisiche.

E’ importante sottolineare che non formano reddito imponibile i proventi derivanti dalle raccolte
pubbliche di fondi purché queste siano occasionali generalmente coincidenti con ricorrenze e
celebrazioni.

C’è un limite sottilissimo tra gli enti commerciali e no profit e quindi è necessario rispettare le normative vigenti per non complicare la propria posizione nei confronti del fisco.

Le prossime scadenze fiscali per questo tipo di realtà è fissata per il 15 maggio, quando dovrà essere presentata la registrazione corrispettivi per le associazioni senza scopo di lucro in regime agevolato: quali associazioni sportive dilettantistiche, proloco.

In realtà questo tipo di operazione deve essere effettuata molto spesso durante l’anno, per la precisione entro la metà dei mesi di gennaio, febbraio, marzo, maggio, giugno, luglio, agosto, ottobre e novembre.

Negli ultimi anni sono aumentati i controlli del fisco per questo tipo di organizzazioni, anche perchè in passato, purtroppo, troppe volte sono state scoperte irregolarità.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.