Detrazioni fiscali climatizzatore è possibile ottenerli?



Detrazioni fiscali climatizzatore è possibile ottenerli?




L’estate sta arrivando e molti cittadini italiani si chiedono se è possibile avere delle detrazioni fiscali climatizzatore. La risposta a questa domanda è assolutamente sì. In questo articolo andremo a spiegare nel dettaglio il bonus condizionatori 2018 che consente di avere delle detrazioni fiscali nella propria dichiarazione dei redditi no n prima di aver valutato il miglior climatizzatore 2018 prima di procedere all’acquisto. Quindi vediamo insieme cos’è e come funziona il nuovo bonus annunciato nella nuova legge di bilancio 2018.

Detrazioni fiscali climatizzatore 2018: Come richiederle

La nuova legge di Bilancio 2018, ha prorogato fino al 31 dicembre 2018 la possibilità di poter detrarre fiscalmente l’acquisto di climatizzatori Toshiba, Samsung, LG Monosplit, LG Multisplit, Fujitsu, Hisense. Con l’acquisto di condizionatori a pompa di calore sarà possibile detrarre il 50% della spesa effettuata se inseriti nel modello 730.

Per poter richiede la detrazione fiscale bisognerà acquistare un condizionatore entro e non oltre il 31 dicembre 2018. L’acquisto deve essere effettuato esclusivamente tramite circuiti elettronici, come ad esempio il bonifico Bancario.

Il bonifico per acquistare il condizionatore deve contenere i seguenti dati:




  • Partita Iva e nome del negozio che vende il condizionatore;
  • Richiesta della detrazione fiscale;
  • Codice fiscale di chi acquista;
  • Numero e data della fattura emessa dal negozio.

Successivamente all’acquisto del condizionatore, bisognerà conservare la propria ricevuta ed inserirla nel proprio modello unico oppure nel proprio 730.  Infine, bisogna ricordare che la detrazione è ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Bonus condizionatori per la detrazione fiscale

La nuova legge di bilancio 2018, ha introdotto il nuovo bonus condizionatori. Tale bonus consiste nell’
avere delle detrazioni fiscali per l’acquisto di un condizionatore a pompa d’aria. Il condizionatore dovrà
avere l’obiettivo di sostituire l’impianto di riscaldamento già esistente e per il raffreddamento.

Esistono diverse percentuali di detrazione fiscale, ecco quali:

  • 50% se il condizionatore non è di alta efficienza, ha come obiettivo quello di risparmiare energia;
  • 65% per condizionatori a pompa di calore con alta efficienza che vanno a sostituire il vecchio i
    mpianto di riscaldamento.
  • 50% quando si realizza una ristrutturazione edilizia straordinaria su singole abitazioni o condomini.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.