Detrazioni fiscali 2019 per climatizzatori è possibile?



detrazioni fiscali 2019 climatizzatori




E’ possibile beneficiare del bonus fiscale condizionatori per l’acquisto di climatizzatori soprattutto se si tratta di quelli con classe di consumo molto bassa (come A+++). Prima di tutto però è bene controllare e conoscere che cosa sono le detrazioni e cosa possiamo scaricare.

Detrazioni fiscali 2019, l’efficienza energetica di un immobile

Si tratta della detrazione fiscale prevista nel 2019 per tutti quegli interventi che mirano ad aumentare l’efficienza energetica di un immobile: questa detrazione può variare dal 50 al 65% a seconda dell’efficientamento energetico che si è operato nell’appartamento. Si può beneficiare del bonus mobili (e quindi di una detrazione IRPEF del 50% sul costo dell’acquisto del condizionatore) ma a patto che l’acquisto di tale elettrodomestico sia avvenuto dopo la ristrutturazione dell’abitazione e che il condizionatore sia a risparmio energetico.

Il risparmio della spesa sarà di 10000 euro e il rimborso del 50% dell’IRPEF sarà erogato in 10 rate annuali. Un altro bonus di cui si può beneficiare è l’Ecobonus: questo tipo di detrazione permette di detrarre le spese sostenute per sostituire un vecchio impianto con un climatizzatore a risparmio energetico. La detrazione, in questo caso, sarà del 65% dei costi sostenuti e il rimborso avverrà sempre in 10 rate annuali.

I requisiti per richiedere le detrazioni

I requisiti per poter beneficiare delle detrazioni sull’acquisto dei climatizzatori sono che il pagamento sia tracciabile e documentato:




  • con fattura;
  • nel caso di bonifico bancario o postale deve riportare la causale, il codice fiscale di chi sta facendo
    l’acquisto, la Partita IVA e l’intestazione del rivenditore;
  • nel caso di acquisto con carta di credito o bancomat, ci devono essere documenti che attestino il
    pagamento.

Sia che stiate ristrutturando o meno caso, si può ottenere il bonus condizionatori 2019 ma l’importante
è acquistare un condizionatore d’aria che sia in pompa di calore cioè che sia ideale per il
riscaldamento sia nella stagione invernale sia per il raffreddamento nei mesi estivi. L’immobile deve
essere invece esistente (quindi accatastato) oppure con richiesta di accatastamento in corso, in regola con il pagamento dei tributi e deve presentare un impianto di riscaldamento.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.