Detrazioni fiscali 2019 per Ecobonus



Detrazioni fiscali 2019 per Ecobonus




L’Ecobonus prevede delle detrazioni fiscali che vanno dal 50 al 65% per tutte quelle spese e lavori che mirano al risparmio energetico. Questa percentuale sale al 75% nel caso in cui i lavori di efficientamento energetico siano svolti in condominio. Ecco perché prima di tutto è bene sapere cosa sono le detrazioni fiscali 2019 in modo da poter portare al CAF o al nostro commercialista di fiducia tutta la documentazione necessaria.

Detrazioni fiscali ecobonus cosa recuperare

In particolare, le detrazioni spettano per tutte quelle spese che riguardano i lavori di:

  • coibentazione pavimenti, finestre e infissi (cioè tutte le operazioni di miglioramento termico dell’edificio);
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione di vecchi impianti di climatizzazione;
  • interventi di domotica.

Con la legge di bilancio 2019 sono state modificate le aliquote in base al tipo di spesa sostenuta:

  • del 50% quando si tratti di sostituire finestre (compresi gli infissi), per gli interventi di schermatura solare, per l’installazione di caldaie a biomassa o a condensazione;
  • del 65% nel caso di interventi di coibentazione dell’involucro opaco, di installazione di pompe di calore, sistemi di building automation, collettori solari per produzione di acqua calda, scaldacqua a pompa di calore o generatori ibridi;
  • del 70 o 75% quando gli interventi sono per tutto l’intero condominio.

In questo ultimo caso, è necessario che le spese siano state sostenute dal 1 gennaio 2017 fino al 31
dicembre 2021 con un massimo di spesa di 40000 euro che va moltiplicato per il numero di unità
immobiliari di cui è composto l’edificio.




La detrazione diventa dell’80%

La detrazione diventa dell’80% nel caso in cui questi interventi vengano realizzati in edifici che
appartengano alle zone sismiche 1,2 o 3 e che quindi gli interventi abbiano come obiettivo anche
quello di ridurre il rischio sismico (mediante il passaggio ad una classe di rischio inferiore). Infine, la
detrazione sarà dell’85% nel caso in cui gli interventi di riduzione del rischio sismico comportino il
passaggio a due o più classi di rischio sismico inferiori.

Il limite della spesa massima è di 136000 che va sempre moltiplicato per il numero di unità immobiliari
che compongono l’edificio.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.