ISEE 2019, come deve essere richiesto?



ISEE 2019, come deve essere richiesto




L’ISEE 2019, acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è una documentazione necessaria, che ogni nucleo familiare dovrebbe fare. Allo stato attuale, grazie all’ISEE, possiamo scoprire l’ammontare del nostro reddito familiare. Precisiamo che nel reddito non rientrano esclusivamente i soldi percepiti tramite il lavoro o gli assegni, ma anche nei beni posseduti. Come possiamo richiedere l’ISEE? Dove può essere richiesto? E chi deve farlo?

Come richiedere l’ISEE?

Avete bisogno di calcolare il modello ISEE 2019? Possiamo farlo per via telematica. Anzitutto, sul sito INPS, sono disponibili tutti i modelli che possiamo scaricare con un semplice download. Dopodiché, avremo bisogno di alcuni documenti per compilare al meglio i campi. Il primo passo, che è il più utile, è la compilazione della DSU. Quest’ultima è la Dichiarazione Sostitutiva Unica.

Questo documento è molto importante e utile, soprattutto nel momento in cui abbiamo bisogno di richiedere determinati bonus, agevolazioni fiscali e prestazioni sociali. Ci sono tre tipologie di DSU nello specifico: la tipologia mini, l’integrale e la corrente. Oltre ai documenti sul vostro reddito, vi ricordiamo che dovrete avere il codice Pin dell’Inps. Ogni cittadino ne ha uno ed è unico per ognuno di noi. Possiamo richiederlo online, oppure andando allo sportello dell’Inps.

Come farsi aiutare per compilare l’ISEE? Informazioni utili

Come vi abbiamo anticipato prima, sono necessari alcuni dati. Ad esempio, vi occorreranno lo stato di famiglia, il codice fiscale e anche un documento di identità valido. Poi, vi serviranno l’ultima dichiarazione dei redditi e la certificazione dei redditi.




Tra i documenti utili per stilare l’ISEE, citiamo anche il contratto di affitto, la copia dell’ultimo canone versato. Avrete bisogno anche del saldo contabile dei vostri depositi bancari e postali e degli estratti conto con giacenza media annuale.

Dovrete inserire, inoltre, le azioni o le quote, i dati del patrimonio immobiliare e il contratto di assicurazione sulla vita.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.