Polizza casalinghe, cosa coprono?



Polizza casalinghe




La legge 493 del 3 dicembre 1999 ha introdotto una polizza assicurativa obbligatoria Inail per tutti coloro che svolgano attività domestiche con l’obiettivo di tutelarli contro gli infortuni domestici.

Questa polizza, detta polizza casalinghe, copre dunque gli eventuali infortuni che avvengano in ambito domestico e cioè in casa, nelle pertinenze o nelle parti condominiali comuni così come anche in luoghi in cui il nucleo familiare va in vacanza, anche se in affitto (purché si trovino nel territorio dello Stato italiano).

Per beneficiare della copertura assicurativa

Per beneficiare della copertura assicurativa, l’eventuale infortunio dovrà avvenire durante lo svolgimento delle attività di cura quotidiane ed usuali, durante gli interventi di piccola manutenzione oppure per cause imputabili alla presenza di animali domestici.

Dal primo gennaio 2019 sono entrate in vigore delle novità in relazione alla polizza assicurativa Inail come ad esempio la rendita vitalizia mensile rivalutabile a seguito di infortuni che comportino inabilità al lavoro pari o superiore al 16%. Il valore della rendita può andare da un minimo di 106,02 euro (se l’inabilità è pari al 16%) ad un massimo di 1292, 90 euro (se l’inabilità è pari al 100%).




Se, a seguito dell’infortunio, avviene il decesso dell’assicurato, la rendita verrà riconosciuta agli eredi aventi diritto. Inoltre, sempre in caso di morte dell’assicurato a seguito di infortunio domestico, ai superstiti aventi diritto viene riconosciuto un capitale una tantum di 10000 euro.

Se, invece, a seguito dell’infortunio domestico, l’assicurato consegue un’invalidità permanente accertata compresa fra il 6% e il 15%, verrà riconosciuto un assegno una tantum di 300 euro. Infine, se a seguito di un infortunio domestico, l’assicurato riporti una grave menomazione, verrà riconosciuto un assegno per l’assistenza personale continuativa (attualmente di 539,09 euro).

Le gravi menomazioni in questione sono:

  • grave riduzione dell’acutezza visiva;
  • perdita di nove dita delle mani (compresi i pollici);
  • paralisi flaccida o amputazione delle gambe;
  • perdita di una mano o di ambedue i piedi;
  • perdita di un braccio e di una gamba;
  • alterazione grave delle facoltà mentali;
  • infermità che lo costringano continuativamente a letto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.