Scadenze fiscali, come e dove si pagano gli F24



Scadenze fiscali




L’epidemia di Coronavirus sta comportando non pochi disagi e difficoltà economiche per molti cittadini; per venire incontro alle esigenze di questi sono state prorogate molte scadenze fiscali, previste originariamente per i mesi di marzo e aprile, ai mesi a venire. Molti pagamenti fiscali di tasse ed imposte nazionali e locali avvengono tramite il modello F24: le imposte sui redditi delle persone fisiche e delle società (IRPEF e IRES), le addizionali regionali e comunali, l’IVA, l’IRAP e le imposte comunali (IMU, TARI e TASI).c

Scadenze fiscali, il pagamento dell’ F24

Il modello F24 può essere presentato in modalità cartacea oppure in modalità telematica.

Nel caso della presentazione del modello F24 cartaceo, il versamento può essere fatto:

  • presso le banche (con assegni bancali o circolari);
  • in posta (tramite assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali o carta Postamat);
  • presso gli uffici degli enti di riscossione (con assegni bancari e circolare e/o vaglia cambiari);
  • presso gli sportelli bancari e degli agenti della riscossione dotati di terminali elettronici idonei (tramite carta Pagobancomat).

La presentazione del modello cartaceo è consentita ai contribuenti privi di Partita IVA per importi oltre i 3000 euro.




I contribuenti che abbiano un conto corrente bancario o postale possono, in prima persona o tramite commercialisti o CAF, optare per l’F24 telematico; sono obbligati alla modalità di presentazione telematica i soggetti titolari di Partita IVA.

Il pagamento dell’F24 telematico può avvenire:

– sul sito dell’Agenzia delle Entrate, usufruendo della piattaforma F24 Web per tutti gli utenti registrati al canale Fisconline e per i titolari di Partita IVA e gli intermediari abilitati iscritti ad Entratel.

Dopo essersi registrati e aver effettuato l’accesso alla piattaforma F24 Web, bisogna compilare il modello online con i propri dati anagrafici, il codice del tributo che si vuole pagare, l’importo e l’anno di riferimento.

Bisognerà indicare poi un conto corrente posseduto presso un istituto convenzionato.

  • Sul sito di Poste Italiane;
  • usufruendo dei servizi di home banking.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.