Trading, come si riparte dopo il coronavirus    



Trading




L’epidemia di Coronavirus ha prodotto delle importanti ripercussioni negative sull’economia globale e sui mercati finanziari internazionali con conseguenze anche per il settore del trading online. Molti trader, visto il delicato periodo storico, hanno smesso di investire data l’instabilità dei mercati finanziari.

Settori in cui si può investire e fare trading online

Di certo, ora che le tendenze di molte azioni stanno andando gradualmente al rialzo, in molti stanno riprendendo ad investire anche se non è un vero e proprio ritorno alla normalità. Ad ogni modo, ci sono comunque dei settori in cui si può investire e fare trading online e sono quelli che hanno sentito di meno le pesanti conseguenze del Coronavirus, vale a dire i settori sanitario e farmaceutico, tecnologico e dei software.

La ripartenza dopo il Coronavirus per il settore del trading vede delle buone possibilità di profitto nei settori:

  • sanitario e farmaceutico, aziende che si stanno impegnando nella ricerca di vaccini e cure per il virus o nella produzione di igienizzanti e altri prodotti per la pulizia;
  • tecnologico e dei software, soprattutto connesso alla modalità di lavoro smart working che si è diffuso molto nel periodo di lockdown e che ha visto un aumento delle iscrizioni o degli abbonamenti a piattaforme per la gestione del lavoro o del team da casa, come Zoom o Slack;
  • intrattenimento, il lungo periodo di quarantena ha spinto molte persone a ricercare delle soluzioni per intrattenersi ad esempio acquistando servizi di streaming come Netflix;
  • beni di consumo, uno dei colossi mondiali che non ha quasi risentito la crisi durante l’epidemia è stato Amazon, il marketplace di beni di consumo che ha continuato le sue spedizioni di beni di prima necessità anche durante il lockdown.

Tutti questi settori si dimostrano delle ottime idee per ricominciare, seppur con qualche cautela, a fare trading. A rigor di logica, infatti, un investitore dovrebbe essere meno propenso ad investire in quelle attività che di più hanno risentito delle conseguenze del lockdown (si pensi al settore automobilistico, dei viaggi o della ristorazione).





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.