Settembre, ci si prepara al mese più pesante dal punto di vista economico    



Settembre




Molti esperti hanno più volte dichiarato che la vera crisi economica ci sarà a settembre, un mese pesante per le famiglie, con l’inizio dell’autunno e la fine dell’estate a causa delle tante scadenze fiscali e della fine dello stop dei licenziamenti. Gli analisti hanno infatti formulato ipotesi molto critiche per l’Italia e per il mondo prevedendo non solo una nuova ondata di contagi ma anche, nel peggiore dei casi, una caduta del PIL del 14%.

Settembre, mese di spese

Sono soprattutto le famiglie che dovranno sostenere diverse spese importanti come quelle relative al ritorno a scuola dei propri figli (anche se c’è ancora molta incertezza a riguardo): ogni figlio costerà in media almeno 1000 euro ai propri genitori fra costi per il corredo scolastico (zaino, astucci, diari) e per i libri di testo e i dizionari.

Inoltre, molte famiglie stanno ancora facendo i conti con la crisi vissuta nei mesi di lockdown (magari qualche componente del nucleo familiare ha perso il lavoro o ha dovuto chiudere la propria attività dopo tanti mesi di stop) e dunque non è semplice pensare anche alle spese di tutti i giorni per il proprio sostentamento. Proprio per questo molte famiglie non hanno nemmeno organizzato le vacanze nei mesi estivi oppure evitano di pensare a delle spese (tante volte più superficiali) relative ad hobby e svaghi (ad esempio cene al ristorante oppure iscrizione in palestra o a corsi di nuoto, ballo per se stessi o per i propri figli).

Inoltre, a partire da settembre si inizia a pensare ai mesi invernali e alle spese relative al riscaldamento e al consumo di acqua calda (in molte città di Italia, si fa i conti con queste già a partire dalla seconda decade di settembre).




Ogni famiglia, dunque, inizia a stringere la cinghia da settembre e a limitare le proprie spese a ciò che è davvero necessario.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.