Turismo e Covid, a quanto ammonta la perdita nell’indotto   



Turismo




Fra i settori che più hanno risentito delle ripercussioni negative causate dall’epidemia di Coronavirus, c’è il turismo.

Turismo e paura del coronavirus, è davvero così?

Sono in tanti coloro che hanno deciso di rimanere a casa durante le ferie così come sono tanti i turisti stranieri che hanno evitato di raggiungere l’Italia (o sono stati impossibilitati a farlo, a causa della chiusura dei confini che l’Italia ha stabilito nei confronti di molti Paesi esteri).

Secondo un’indagine di Demoskopika, la regione che più ha risentito del calo nel turismo è il Veneto, con un decremento stimato della spesa turistica di 3272 milioni di euro, un calo degli arrivi di 9,3 milioni (-63,3% rispetto al 2019) e delle presenze di 35,6 milioni (-65,1% rispetto al 2019).

La perdita dell’indotto è molto salata

Da gennaio ad agosto, invece, la Sicilia ha perso 2,2 milioni di arrivi e 6,8 milioni di presenze, con un calo rispetto allo stesso periodo del 2019 che si aggira intorno al 60%.




La Toscana è un’altra regione che ha molto risentito dell’emergenza Coronavirus sul turismo: si parla di 21,7 milioni di presenze in meno rispetto ai primi otto mesi del 2019, vale a dire -60,7%, e di una riduzione degli arrivi di 6,1 milioni (cioè -59,2%).

Seguono la Lombardia con una riduzione degli arrivi pari a 6,6 milioni (-55,8%) e 16,4 milioni di presenze (-57,4%); il Lazio, con una riduzione pari a 4,8 milioni di arrivi (-54,7%) e 15,2 milioni di presenze (-55,8%) e l’Emilia Romagna con una riduzione pari a 4,6 milioni di arrivi (-52,4%) e 18,1 milioni di presenze (-55,6%).

In generale, la perdita dell’indotto è molto salata: nel 2020 l’Italia perde metà delle presenze che si traduce in 173,5 milioni di presenze e oltre 48 milioni di arrivi con una contrazione rispettivamente del 52,5% e del 51,1% rispetto allo stesso periodo del 2019.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.