Gennaio 2021, in partenza 50 milioni di atti



Gennaio




Gennaio 2021 segna la partenza di 50 milioni di atti dopo il blocco delle cartelle sancito a causa dell’emergenza Covid. Si sa che con molta probabilità ci sarà la pace fiscale 2021 e quindi si potrà rottamare le cartelle esattoriali.

Gennaio 2021, arrivano le cartelle

Si tratta di 35 milioni di atti di riscossione (come cartelle, ipoteche, fermi amministrativi) sospesi nel 2020 (a cui si aggiungono quelli di inizio 2021) più 15 milioni di accertamenti e le lettere di compliance.

Poiché l’emergenza Coronavirus è ancora in atto, non si sa se il Governo abbia intenzione di bloccare nuovamente qualcuno di questi atti.

L’unica cosa certa è che si sta cercando di andare incontro a chiunque si trovi in difficoltà. Infatti, chiunque non riesca a pagare, ha la possibilità di rateizzare le cartelle, di qualsiasi importo.




Inoltre, fino al 31 dicembre 2021, proprio a causa dell’emergenza sanitaria attuale, sono previste ulteriori misure a favore dei contribuenti come la tolleranza fino a 10 rate.

Il decreto ristori

Infatti, stando a quanto stabilito dal decreto Ristori, coloro che hanno una rateizzazione in essere al 31 dicembre 2020 o che presentano una nuova domanda entro il 31 dicembre 2021, possono decidere di saltare fino a 10 rate (invece che le solite 5) prima della decadenza dalla dilazione.

Inoltre, sempre come stabilito dal decreto Ristori, per le richieste presentate entro il 31 dicembre 2021, è stato aumentata da 60 a 100 mila euro la soglia di debito per il quale è sufficiente una semplice domanda per ottenere un piano a rate.

Non c’è dunque la necessità di presentare la documentazione che attesti lo stato di difficoltà economica, con l’ammissione automatica alla dilazione ordinaria fino a 6 anni (72 rate). Infine, possono presentare una richiesta di dilazione anche coloro che erano decaduti da una precedente rateizzazione prima dell’emergenza Covid, ma senza il vincolo del versamento delle rate scadute.

Stessa possibilità anche per i decaduti dalle rottamazioni degli anni scorsi (che possono versare a rate le somme ancora dovute).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.