Partita Iva per youtuber, ecco la tassazione



Partita Iva




Quello di youtuber inizia per molti giovani come un hobby, un modo per far conoscere le proprie passioni, condividere la propria quotidianità o parlare degli argomenti più disparati, attraverso dei video che vengono condivisi periodicamente sulla famosa piattaforma YouTube.

Un vero e proprio lavoro remunerativo

Una passione che può diventare un vero e proprio lavoro remunerativo.

Infatti YouTube rappresenta ad oggi una delle migliori fonti di guadagno online, derivante principalmente dalle inserzioni che i partner possono decidere di inserire all’inizio o all’interno del video.

Ovviamente sarà necessario avere un numero consistente di visualizzazioni ai propri video, nonché averne caricati già un bel po’ nel tempo.




In questo modo si guadagnerà in base al numero di visualizzazioni delle pubblicità.

Un altro modo per guadagnare su YouTube è facendo delle recensioni di beni o servizi tramite i propri video.

Una volta capito che con YouTube si può guadagnare, come funziona la tassazione per uno youtuber?

L’inserimento di banner pubblicitari

L’inserimento di banner pubblicitari su un sito o un video, viene considerata attività economica di tipo abituale e pertanto sarà necessario aprire la Partita IVA per dichiarare i guadagni.

Nel caso dello youtuber non si può utilizzare la prestazione occasionale, proprio perché l’inserimento di inserzioni in un video di YouTube ha carattere abituale.

Tuttavia, è consigliabile, nel caso i guadagni siano davvero esigui (poche centinaia di euro), non monetizzarli: in questo modo non si sarà tenuti ad aprire la partita IVA.

Se invece i guadagni diventano più consistenti (alcune migliaia di euro) può essere conveniente monetizzarli ma sarà appunto opportuno aprire la Partita IVA per stare in regola con il Fisco.

Si può scegliere il regime forfettario, soggetto alla tassazione ridotta del 5% per i primi 5 anni di attività  (e del 15% per gli anni a seguire).

Può essere scelto da chi non supera un guadagno annuo di 65 mila euro.

Altrimenti bisognerà optare per il regime ordinario che prevede una tassazione del reddito imponibile sulla base degli scaglioni di reddito Irpef e del criterio di cassa.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.