Servizi on demand, si può risparmiare condividendo gli account?       



Servizi




Secondo delle recenti indagini, il numero di abbonati ai servizi on demand è molto aumentato durante i mesi di lockdown della pandemia da Coronavirus. Sempre più persone erano alla ricerca di programmi di intrattenimento durante quel periodo e anche ora la tendenza non sembra essersi fermata.

Netflix, Amazon Prime Video, Disney +, DAZN, Now TV e molto altro… offrono sport, calcio, serie tv, film, documentari, cartoni animati e chi più ne ha, più ne metta.

Creare più profili

Molti di questi servizi permettono poi di creare più profili in modo che i diversi componenti della famiglia possano guardare i propri programmi preferiti da posti diversi.

Le politiche di ognuno di questi servizi sono differenti: per alcuni è possibile condividere gli account (e risparmiare) mentre per altri questo non è consentito.




È per questo motivo che sono nati gruppi che permettono di condividere gli account e di spendere di meno. Uno di questi è Diveedi su cui si possono creare dei gruppi privati o pubblici.

I gruppi sono formati da un admin, che mette a disposizione il proprio account e le credenziali per fare l’accesso, e dai joiner, ossia le persone che si aggiungono a un gruppo e pagano all’admin una quota periodica per usufruire del servizio on demand.

Diveedi applica una commissione di un euro ogni volta che si rinnova la partecipazione a un gruppo.

Per accedere ad un gruppo bisogna:

  • registrarsi al sito
  • aprire la sezione “gruppi” in alto a destra
  • scegliere fra i servizi disponibili su Diveedi

Una volta scelto il servizio desiderato e il gruppo a cui partecipare, si potrà pagare la propria quota.

Si riceveranno così le credenziali per fare l’accesso e usufruire del servizio a prezzi più ridotti rispetto al normale costo di abbonamento (Netflix a 4,99 euro al mese, Disney+ a 3,24 euro al mese, DAZN a 5,99 euro al mese).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.