Dichiarazione precompilata 2022, da dove si scarica



Dichiarazione




La dichiarazione precompilata (modello 730 o modello Redditi) è la dichiarazione dei redditi predisposta dall’Agenzia delle Entrate sulla base dei dati a propria disposizione, trasmessi da soggetti terzi e ricavati dall’Anagrafe Tributaria.

In pratica il contribuente (lavoratore o pensionato) potrà visionare:

  • Modello 730 precompilato 2022
  • l’esito della liquidazione delle imposte
  • il prospetto con l’indicazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nel 730 precompilato 2022 e delle principali fonti utilizzate per la sua elaborazione
  • il prospetto 730-3 con il dettaglio del risultato di liquidazione delle imposte

Tutte queste informazioni saranno disponibile nella propria area personale del portale dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 23 maggio 2022 (e non più a partire dal 30 aprile 2022, come detto originariamente).

Al portale si accede mediante SPID, Carta d’identità elettronica o Carta Nazionale dei servizi e da qui si potrà visionare la dichiarazione precompilata 2022 e procedere all’accettazione, modifica/integrazione e invio della dichiarazione.

Infatti il contribuente ha proprio lo scopo di verificare che tutte le informazioni contenute nella dichiarazione dei redditi precompilata 2022 siano complete e corrette e, solo una volta che lo siano, procedere con l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate.




Alla dichiarazione precompilata 2022

Alla dichiarazione precompilata 2022 possono accedere anche i sostituti d’imposta oppure gli intermediari che prestano assistenza fiscale (CAF, commercialista, patronati).

Ovviamente per poter accedere, dovranno prima ottenere una delega dal contribuente.

Dalla propria area riservata il contribuente, l’intermediario o il sostituto d’imposta potrà anche scaricare la dichiarazione precompilata 2022, anche dopo averla inviata.

Ricordiamo infine che accettare la dichiarazione precompilata 2022 così come fatta dall’Agenzia comporta dei vantaggi per il contribuente in termini di controlli: infatti, se l’invio è fatto senza modifiche, non vengono fatti controlli documentali su oneri detraibili e deducibili comunicati all’Agenzia delle Entrate.

Se invece l’invio è effettuato con modifiche che incidono sulla determinazione del reddito o dell’imposta, i controlli documentali verranno fatti solo sugli oneri modificati e non su quelli accettati così come indicati nella dichiarazione precompilata.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.