Caro bollette: quali sono gli elettrodomestici con il consumo maggiore a cui prestare attenzione?



Caro bollette




La spesa per la materia energia incide sempre di più sul conto finale della bolletta.

Anche chi sta particolarmente attento ai consumi energetici, avrà sicuramente notato un aumento sensibile negli ultimi mesi.

Purtroppo, il timore che con l’autunno arrivino ulteriori stangate in bolletta, è particolarmente concreto.

Ciò che possiamo fare, come consumatori, è sicuramente:




  • optare per consumi intelligenti, ottimizzandoli e riducendoli ove necessario;
  • propendere per l’acquisto di modelli dall’alta classe energetica, che garantiscono consumi altamente efficienti.

In questo approfondimento vedremo alcuni tra gli elettrodomestici che contribuiscono in misura maggiore al totale finale della bolletta.

Per farlo ci serviremo di una classifica uscita da pochi giorni (realizzata da Selectra, web company specializzata nella comparazione di offerte luce e gas) dove si elencano i principali elettrodomestici energivori.

Partiamo dalla prima posizione, andando a scalare.

Analizziamo i primi 5 elettrodomestici più energivori in classifica

Caro bollette

La prima posizione è appannaggio di un piccolo elettrodomestico, il cui utilizzo è fortunatamente limitato solo ai mesi invernali, e soprattutto in particolari circostanze di emergenza.

Parliamo della stufetta elettrica, il cui consumo medio orario stimato è pari a 2 kWh, con un costo medio in bolletta di circa 90 centesimi per ora di consumo.

Non è una sorpresa questa prima posizione: mettendolo in funzioni con luci accese in stanza, noterete subito un lieve abbassamento di luminosità. Questo è un segno tangibile di quanto sia importante il suo consumo di energia.

Preferire modelli nuovi e che garantiscono un basso consumo energetico è assolutamente necessario: il consiglio è comunque quello di limitare l’uso della stufetta elettrica solo per lo stretto necessario.

In seconda posizione troviamo il bollitore (consumo medio orario stimato pari a 1,6 kWh, costo medio in bolletta di circa 73 centesimi per ora di consumo), in terza, ma con valori di consumo pressoché identici, l’asciugacapelli.

Va sottolineato come le temperature degli ultimi mesi possono aiutare a favorire un consumo molto più limitato dell’asciugacapelli, limitandone l’uso solo ad alcuni casi, dove si ha poco tempo a disposizione per asciugare i capelli.

In quarta posizione segue la friggitrice ad aria (consumo medio orario stimato pari a 1,5 kWh, costo medio in bolletta di circa 68 centesimi per ora di consumo), il cui consumo è sicuramente calmierato dalle temperature estive, che mal si sposano con la voglia di frittura.

La top 5 è completata dalla piastra per capelli (consumo medio orario stimato pari a 1,3 kWh, costo medio in bolletta di circa 59 centesimi per ora di consumo), utilizzata per risparmiare tempo e lisciarli al meglio.

In questo caso, molto dipende dalla frequenza di utilizzo settimanale che se ne fa.

Se il suo utilizzo è sporadico e limitato solo ad alcune occasioni, non dovrebbe rappresentare un grosso macigno sulla bolletta energetica.

Completiamo la top 10! Dall’asciugatrice al condizionatore

Se nelle primissime posizioni abbiamo trovato una serie di elettrodomestici il cui uso è perlopiù saltuario, se non spesso assente, le cose cambiano dalla posizione numero 6 alla 10.

Difatti, in sesta posizione troviamo l’asciugatrice (consumo medio orario stimato pari a 1,2 kWh, costo medio in bolletta di circa 53 centesimi per ora di consumo).

A differenza della lavatrice, l’asciugatrice non deve solo far girare nel cestello i panni, ma anche scaldarli e togliere l’umidità.

É per questo che il suo consumo risulta essere nettamente superiore rispetto a quello di una lavatrice.

Nonostante se ne comprenda la convenienza d’uso, in quanto si evita di stendere i panni uno ad uno, il consiglio è quello di utilizzare la bella stagione per risparmiare, lasciando che sia il sole ad asciugare i panni (cosa che, peraltro, accadrà in poco tempo!).

Molto meglio prevederne l’utilizzo per giornate con alto tasso di umidità o piovose, dove ci può volere molto tempo prima di ottenere un’asciugatura ideale.

In settima posizione troviamo il ferro da stiro (consumo medio orario stimato pari a 1 kWh, costo medio in bolletta di circa 45 centesimi per ora di consumo).

In questo caso i consigli per risparmiare sul consumo, sono i seguenti:

  • prima di tutto iniziare con i vestiti che necessitano di temperature non troppo elevate, così da iniziare subito a togliere i primi panni;
  • nel momento in cui stiamo per finire si può già provvedere a staccare il ferro dalla presa, in quanto il calore emanato sarà comunque sufficiente per completare tutto il processo di stiratura.

In ottava posizione troviamo il forno elettrico (consumo medio orario stimato pari a 0,9 kWh, costo medio in bolletta di circa 42 centesimi per ora di consumo).

Un normale forno impiega almeno 10-15 minuti per arrivare alla temperatura desiderata.

Per ottimizzarne il consumo, è necessario preriscaldare il forno solo quando si è davvero pronti per la cottura, oltre che evitare di tenerlo sporco.

Questo è molto importante, in quanto la presenza di eventuali residui all’interno del forno aumenta il dispendio di energia.

Altro semplice consiglio rimane quello di non aprire spesso e volentieri il vetro del forno, così da non dissipare calore ed evitare che torni alla temperatura prestabilita, controllando l’andamento della cottura solo con l’utilizzo della luce interna.

In nona posizione troviamo l’aspirapolvere (consumo medio orario stimato pari a 0,8 kWh, costo medio in bolletta di circa 36 centesimi per ora di consumo).

A differenza dell’aspirapolvere con filo, c’è sicuramente una soluzione più economica, rappresentata dall’uso delle scope elettriche senza filo.

Queste hanno il grande vantaggio di consumare energia solo quando si trovano effettivamente in fase di ricarica, mentre quando vengono staccate si usano come se fossero delle scope normali, ma approfittando di una capacità pulente molto più elevata.

Con l’uso di una scopa elettrica senza filo si potrà consumare circa 1/5 rispetto al classico aspirapolvere.

Completa la nostra top 10 il condizionatore (consumo medio orario stimato pari a 0,7 kWh, costo medio in bolletta di circa 32 centesimi per ora di consumo).

Sul condizionatore è necessario aprire una parentesi.

Utilizzo del condizionatore, l’elettrodomestico principe dell’estate

Trattasi a tutti gli effetti dell’elettrodomestico più ambito e utilizzato durante il periodo estivo; chi lo ha installato in casa, difficilmente se ne vuole privare.

Il problema sussiste nel momento in cui:

  • questo viene utilizzato per molte durante la giornata;
  • viene tenuto acceso tenendo un eccessivo divario tra temperatura esterna e interna.

L’impatto sulla bolletta, in questo caso, è decisamente elevato, di conseguenza molto dipende da quanto abbiamo la necessità di sfruttare il condizionatore durante la giornata.

In questo caso, più che ragionare in termini di riduzione del consumo, dovremmo porci un altro problema, ossia: perché siamo costretti a tenerlo acceso per molte ore al giorno?

Evidentemente vi è alla base un importante problema relativo allo scadente efficientamento energetico!

Se l’abitazione non risulta essere correttamente isolata, quindi si verificano costantemente i ben noti fenomeni di dispersione termica:

  • l’aria fredda generata dal condizionatore si dissipa velocemente;
  • la temperatura interna sale vertiginosamente, eliminando in pochi minuti tutto il benessere termico creato e riportando la temperatura interna percepita a valori eccessivamente elevati.

Ovviamente in queste condizioni si è propensi a riaccendere velocemente il condizionatore, contribuendo in misura significativa all’aumento in bolletta energetica.

Cosa fare in questi casi?

Optare per un intervento che crei un buon livello di isolamento termico è quanto mai fondamentale.

Ad esempio, già coibentando i muri a cassetta o intercapedini vuote (questo è possibile con la tecnica che prevede l’insufflaggio di schiume espanse isolanti), si otterrà una barriera protettiva che:

  • minimizzerà le dispersioni termiche, interne ed esterne;
  • consentirà il recupero di alcuni gradi centigradi nell’immediato, conseguendo un miglioramento apprezzabile, relativo al benessere termico percepito in casa.

Così facendo anche l’uso del condizionatore verrà ridotto solo a quando realmente necessario, consentendo di ottenere un risparmio considerevole nelle bollette energetiche relative ai mesi estivi.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.