Partita IVA semplificata e versamenti inps come funziona



Partita IVA semplificata e versamenti inps come funziona




Avere una partita IVA oltre a portare vantaggi, porta anche dei costi e questi possono essere fissi o variabili. Bisogna quindi sempre tenerli in considerazione e il tutto per una buona gestione annuale. Questi costi possono variare molto in base al regime fiscale scelto e in base ai requisiti che l’impresa possiede, quindi è bene sapere qual è il primo passo da fare per aprire una partita iva.

Per quanto riguarda i costi fissi di una partita IVA, si può far riferimento ai contributi INPS, INAIL, diritto Camerale, Competenze Bolli e costi per il Commercialista che effettua lavori contabili. Questi variano molto in base al regime fiscale di appartenenza.

Invece quando si parla di costi variabili, allora ci si riferisce alle aliquote fissate dalla legge in base al regime di appartenenza per INPS, IRPEF etc, costi per acquisti di beni strumentali e promiscui e tanti altri ancora. I costi inoltre devono essere tutti versati entro il 16 giugno da tutti coloro che sono iscritti al Registro delle Imprese.

Partita IVA e regime forfettario

I titolari di partita IVA devono scegliere il Regime Fiscale della propria impresa e in base a questa scelta,
ci saranno delle aliquote applicate dal fisco appunto. Si parla di costo di partita IVA a regime forfettario
con un aliquota sostitutiva al 15% e ridotta per le startup al 5% per 5 anni, regime premiale per
trasparenza quando i soggetti collaborano con l’amministrazione finanziaria, ricevendo così benefici.




Si parla poi di regime Ordinario che è quello con una tassazione più alta ed è obbligatorio per Società di
capitali, S.R.L., S.p.A., S.a.p.a. e società cooperative. Nel regime semplificato invece sono introdotte tutte
le restanti imprese a patto che i ricavi dell’anno precedente o quelli previsti, non superino i 400000 euro
in caso di nuova costituzione o 700000 euro per prestazioni di servizi o altre attività.

Partita IVA e contributi INPS obbligatori

Come ben si sa, i contributi INPS sono obbligatori per tutti coloro che possiedono una partita IVA e
vanno versati anche per tutti coloro che lavorano nell’impresa. Le aliquote variano a seconda del
volume d’affari della società e c’è la possibilità anche di appartenere alla categoria di gestione separata.

Le scadenze calcolate sul reddito minimale sono a maggio, agosto, novembre e febbraio ed entro i
termini previsti, devono essere effettuati i versamenti tramite modello F24.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.