Scadenze fiscali per i dipendenti, ecco le prossime in calendario



Scadenze fiscali per i dipendenti, ecco le prossime in calendario




Tutti devono sempre tenere a mente delle scadenze fiscali per evitare che si possa complicare la propria posizione col fisco. Stilare un calendario con le prossime scadenze e le date per il pagamento tasse può essere la soluzione giusta.

In questo 2018 sono state introdotte diverse per quanto concerne le scadenze fiscali per imposte, il pagamento tasse e contributi sia per le persone fisiche che società Srl, lavoratori autonomi e dipendenti.

Scadenze fiscali dipendenti: ecco il calendario

Il calendario delle scadenze fiscali per i lavoratori dipendenti è abbastanza ricco. Le prossime scadenze sono fissate per il 2 di luglio, quando bisognerà presentare all’Agenzia delle entrate il modello 730 precompilato messo a disposizione di riscossione sul proprio sito internet.

In realtà è possibile completare con successo questa operazione a partire dal 15 di Aprile sino ai primi giorni di luglio.




Il mese con le principali scadenze fiscali per i lavoratori dipendenti è quello di marzo. E’ questo il mese nel quale bisogna inviare la certificazione unica 2018 in via telematica all’Agenzia delle Entrate. Questo vale non solo per i dipendenti ma anche per pensionati, collaboratori coordinati e continuativi, autonomi.

Ampliando il nostro sguardo alle prossime scadenze nel mese di maggio, entro il 15 e 16 dovranno essere comunicati i dati del canone tv all’Agenzia delle Entrate e sarà possibile la rottamazione delle cartelle bis 2018, ovviamente provvedendo ad inviare l’apposita domanda all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, per regolarizzare la propria posizione con il fisco.

Queste sono alcune delle scadenze fiscali più importanti da tenere a mente. A seguire, entro il 31 del
mese, c’è la scadenza per chi deve inviare i dati delle fatture emesse e ricevute ne primo trimestre.

Per quanto concerne il mese di giugno, invece, il 16 deve essere segnato con il bollino rosso per il
pagamento tasse  riguardante la rata Iva per l’anno 2017 risultante dalla dichiarazione Iva 2018.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.