Scadenze fiscali a luglio, ecco cosa si deve pagare



Scadenze fiscali a luglio, ecco cosa si deve pagare




Luglio 2018 prevede alcune scadenze fiscali molto importanti da ricordare, tra cui la dichiarazione dei redditi 2018 o per esempio il modello Intrastat.  Molte scadenze di molte categorie di contributi devono obbligatoriamente essere dichiarate e comunicate nel mese di Luglio. In questo modo si può essere in regola con il fisco italiano, e non rischiare sanzioni né per mancata o ritardo nella dichiarazione, né per mancato o ritardo nel pagamento.

Scadenze Fiscali luglio 2018: Ecco la lista completa

È importante ricordare che alcuni termini di dichiarazione hanno subito dei cambiati; qui vi elenchiamo le scadenze fiscali del mese di luglio.

La prima scadenza del mese di luglio, cade nel giorno del 2 luglio:

  • Bisogna versare il saldo 2017 e il primo acconto 2018 derivanti dalla dichiarazione IRAP e dei redditi anno 2018/2017.

È possibile rimandare il saldo al 30 luglio, che slitta quest’anno al 31 luglio, lunedì, con l’aggiunta di una mora che maggiora la somma del 0,40%.




  • Versamento saldo 2017 e primo acconto 2018 dei contributi Inps artigiani e commercianti Ivs.
  • Versare il saldo 2017 della Cedolare secca.
  • Versamento della seconda rata riguardante la rivalutazione dei terreni posseduti al 1° gennaio.
  • INPS – trasmissione UNIEMENS.

Il 7 luglio:

  • Scadenza per trasmettere e comunicare il modello 730 ordinario.

Il 16 luglio:

  • Dichiarazione dei redditi 2018 per l’anno 2017.
  • Versamento della rata IVA per l’anno 2018, riguardante la dichiarazione 2018.
  • Rata acconto 2018 della cedolare secca.
  • Ravvedimento e pagamento IMU e TASI.
  • IVIE e IVAFE
  • Pagamento tramite modello F24 della liquidazione IVA 2018.
  • Versamento IRPEF 2018.

Il 23 luglio 2018 c’è la scadenza del 730 precompilato dell’anno 2018.

Il 25 luglio 2018 la scadenza prefissata è del modello INTRASTAT per tutti i contribuenti sia mensili che trimestrali.

Scadenze del 31 luglio:

  • Dichiarazione redditi 2018 per tutto l’anno 2017, con il saldo 2017 e un primo acconto 2018 con un tasso in più del 0,40%. Esso vale per le persone fisiche, contributi Inps artigiani, commercianti Ivs e gestioni separate.
  • Pagamento redditi e Unico 2018 con versamento saldo 2017 e prima rata acconto 2018 con un tasso in più del 0,40%.
  • Pagamento IRES dei redditi 2018.
  • Rottamazione cartella 2018 per tutti coloro che non hanno pagato le rate successive nella prima rottamazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.