Carta di credito, come contestare una transazione che non riconosciamo



Carta di credito, come contestare una transazione che non riconosciamo




Dopo aver fatto la scelta su quale sia la migliore carta ricaricabile 2018 arriva il moneto di ritirare la carta di credito che non è altro che una moneta elettronica. Uno strumento di pagamento racchiuso in un involucro di plastica, con un chip o banda magnetica che riconosce i dati identificativi del proprietario e della banca che l’ha emessa.

E’ pratica, comoda, consente di effettuare pagamenti di piccola o grande importanza, ma attenzione perché potrebbe essere clonata o utilizzata da chi non è autorizzato. Con la richiesta dell’estratto conto potete, in modo facile, controllare il vostro denaro visionando ogni movimento avvenuto sul conto.

Ma se qualcosa non risultasse si può sempre contestare la transazione. Come si fa? Lo vedremo di seguito.

Come contestare una transazione. Cosa serve?

Prima di tutto è importante monitorare tutti i movimenti che avvengono tramite carta di credito, e richiedere dopo un certo periodo di tempo l’estratto conto. È possibile chiedere al vostro consulente se vi invia periodicamente l’estratto conto tramite e-mail, favi recapitare a casa l’estratto in forma cartacea, oppure, contrarlo online.




Nel momento in cui vi accorgete che qualche transazione non è stata effettuata da voi, potete contestualizzarla, e avrete un periodo di tempo massimo di 60 giorni. Passati i 60 giorni, qualsiasi tipo di movimento viene registrato approvato automaticamente dal possessore della carta.

Per contestare la transazione servirà una documentazione da presentare, quindi per prevenire qualsiasi tipo di problema, è bene conservare ogni scontrino o ricevuta che viene emessa dal commerciante a fine acquisto. Inoltre dovrete scaricare un modulo, facilmente reperibile sul web gratuitamente, e procedere alla compilazione.

Come contestare una transazione, tutto quello che c’è da sapere

Una volta compilato, bisogna inviare una lettera di raccomandata con ricevuta di ritorno. È necessario poi segnare tutto, e nel modo più dettagliato possibile. Importante è non dare nulla per scontato, meglio allegare cose in più che in meno. Potrebbe essere indispensabile qualsiasi tipo di scontrino, ricevuta, fattura, fotocopia dell’estratto conto, fotocopia della carta di credito.

Insomma tutto ciò che riguarda la transazione che volete contestare. Nel caso in cui la carta viene persa, bisogna parlarne con le autorità competenti e denunciare lo smarrimento. Per la sicurezza della vostra carta cercate di non inserire la carta sul web per acquisti e cose del genere, a meno che i siti web non sono sicuri e affidabili.

Può capitare che qualche malfattore riesca a risalire ai dati della scheda sottraendovi denaro. Per stare sicuri è possibile scaricare un antivirus con la funzionalità “safemoney”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.