Fatturazione Elettronica: pochi giorni al debutto



Fatturazione Elettronica: pochi giorni al debutto




Mancano pochi giorni e la fattura elettronica sarà obbligatoria per tutti; infatti, dal 1° gennaio 2019, entrerà in vigore l’obbligo di emissione della fattura elettronica.

La fattura elettronica sarà obbligatoria per tutte le operazioni rese tra soggetti passivi stabiliti e residenti in Italia (operazioni c.d. “B2B”) nonché per le operazioni verso i consumatori finali (c.d. “B2C”).

Fattura elettronica, il formato

Da un punto di vista informatico, la fattura elettronica avrà un formato del tipo XML (extensible markup language), pertanto non saranno più ammesse fatture in formato cartaceo e/o digitale (es pdf, excel, etc); inoltre, dovrà contenere il codice destinatario/Pec (nel caso di fatture emesse nei confronti di operatori economici B2B), oppure il codice identificativo  IPA (nel caso di fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione).

Nel caso, invece, di emissione di una fattura elettronica verso un consumatore finale (ad esempio una persona fisica non titolare di Partita Iva e senza un indirizzo Pec), la fattura elettronica dovrà contenere come codice identificativo, il codice convenzionale “sette volte zero” (0000000). In tal caso, salvo rinuncia espressa da parte del privato cittadino, l’emittente dovrà  inviargli una copia cartacea o informatica. La fattura elettronica sarà comunque messa a disposizione del privato cittadino nella sua area riservata dell’Agenzia delle Entrate (la citata area riservata è accessibile a chiunque richieda i codici di accesso di Fisconline, dunque anche ai non titolari di partita IVA).




Una volta compilata e trasformata nel formato  XML, la fattura dovrà essere trasmessa allo SDI (Sistema di Interscambio, gestito dall’Agenzia delle Entrate attraverso Sogei S.p.a.) il quale avrà il compito di controllarla e trasmetterla al destinatario. Quindi lo SDI assumerà la veste di controllore e “postino”.

Software da utilizzare per fatturare

Sarà dunque necessario dotarsi di un software che sia in grado di riportare le informazioni della fattura secondo il formato richiesto dall’Agenzia delle Entrate.

Oltre ai diversi ed efficienti software commerciali ad oggi sul mercato  è possibile  utilizzare uno dei software che l’Agenzia delle Entrate ha messo gratuitamente a disposizione dei contribuenti: in particolare:

  • Fattura Elettronica, software per personal computer;
  • Piattaforma web Fatture e Corrispettivi;
  • FatturAE, app per cellulari e tablet con sistema Android o IOS;

Si ricorda che la fattura elettronica dovrà essere emessa verso tutte le tipologie di clienti/committenti:

  • società;
  • titolari di partita IVA:
  • persone fisiche non titolari di partita IVA.

Saranno obbligati ad emettere fattura elettronica:

  • persone fisiche titolari di partita IVA;
  • società di qualsiasi tipo.

Sono esclusi dall’obbligo di emissione (ma rimangono obbligati alla conservazione delle fatture elettroniche ricevute):

  • i c.d. contribuenti minimi (ossia coloro che applicano il “regime di vantaggio” di cui all’art. 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98)
  • i contribuenti forfetari di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190”;
  • gli agricoltori in regime speciale (art. 34 DPR 633/72).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Marco Francola
Informazioni su Marco Francola 4 Articoli
Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Roma (Studio Co.Pro - Consulenze Professionali). Si occupa di consulenza fiscale, due-diligence, operazioni straordinarie e contenzioso tributario.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.