Pagamento con carta, come bloccare accredito ricorrente






Il pagamento con carta è di certo uno dei metodi più veloci ed efficaci utilizzati da milioni di persone ecco perché scegliere la carta giusta ci farà risparmiare soprattutto in termini di operazioni ma anche di servizi connessi. Tuttavia, è bene prestare molta attenzione ai nostri conti correnti, proprio per evitare che ci siano delle truffe in atto. Per esempio, possiamo non accorgerci sul momento di avere attivato un servizio. A quel punto, noteremo un frequente accredito sulla carta. Come possiamo eliminarlo in sicurezza? Ecco cosa sapere a riguardo.

Pagamento con carta e accrediti ricorrenti: cosa sapere?

Sul web, sono disponibili una marea di servizi: purtroppo, però, nel momento in cui autorizziamo un pagamento, l’accredito avverrà in maniera ricorrente in base al servizio che abbiamo scelto.

Il primo passo è capire qual è il servizio che intendiamo sospendere e soprattutto se abbiamo sottoscritto noi il servizio a pagamento. A volte, capita nel caso delle truffe o nei servizi che si attivano da cellulare con un semplice clic.

In questo caso, possiamo sicuramente fare presente la problematica alla nostra banca o posta, che si occuperà del disguido. In ogni caso, ci vorranno davvero cinque minuti: come sempre, possiamo scegliere di inviare una e-mail, di telefonare al servizio clienti o di andare direttamente in banca.




Come bloccare un accredito ricorrente sulla propria carta

Nel momento in cui vogliamo disdire un accredito ricorrente, risaliamo al numero del servizio del gerente: non dovremo fare altro che disdire l’abbonamento e l’accredito terminerà in quel momento. Questo è il caso, ad esempio, delle bollette e del famoso RID, che è molto comodo ma che possiamo decidere di togliere in qualsiasi momento. Non sarà, però, la banca o la posta ad occuparsene, ma dovrete farlo voi, facendolo presente al gerente del servizio in questione.

Diversamente il problema si pone per le truffe: in questo caso abbiamo la possibilità di impugnare la documentazione dell’estratto conto e di richiedere indietro i soldi che abbiamo speso in maniera inconsapevole.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.