Guadagni pubblicità online blog personale come si tassano



Guadagni pubblicità




Tramite le inserzioni pubblicitarie o i banner pubblicitari si può guadagnare online: la pubblicità online è, infatti, un’attività che consente di guadagnare. In pratica, i proprietari di un sito Internet o di un blog personale, concedono degli spazi agli inserzionisti per inserire i propri banner pubblicitari o le proprie inserzioni pubblicitarie (atte a promuovere o pubblicizzare un prodotto o servizio) in cambio di un corrispettivo.

Guadagni pubblicità online, cosa dice il fisco

Anche sul proprio blog personale si può guadagnare con la pubblicità online e, anche in questo caso, come per tutti gli altri guadagni ottenuti dalle attività svolte online, è necessario dichiarare tali ricavi affinché siano tassati regolarmente.

Consideriamo, ad esempio, lo strumento di Google Adsense che viene maggiormente utilizzato quando si parla di pubblicità online. Google esercita le sue attività in Irlanda e, proprio per questo motivo, le direttive comunitarie e le leggi Italiane in materia di IVA, sanciscono che vige il meccanismo del Reverse change: in pratica, considerando che entrambi i soggetti in gioco sono comunitari, l’IVA viene assolta dal destinatario (e cioè da Google Adsense).

Quindi, si può emettere fattura nei confronti di Google senza indicare l’IVA e i guadagni, una volta fatturati, devono essere dichiarati nella dichiarazione dei redditi, affinché vengano calcolate le imposte da pagare.




La partita iva, quando occorre?

Occorre ricordare che è obbligatoria l’apertura della Partita IVA qualora l’attività della pubblicità online sia continuativa e abituale, eventualmente beneficiando del regime fiscale agevolato e cioè di quello forfettario. Infatti, solo nel caso di attività occasionale, non è obbligatoria l’apertura della Partita IVA ma sarebbe necessario emettere la ritenuta d’acconto.

Dal punto di vista contributivo, se l’attività è stata iscritta come ditta individuale alla Camera di commercio, sarà necessario iscriversi anche all’Inps commercianti per quanto attiene l’aspetto contributivo. In alternativa, se si inquadra l’attività come lavoro autonomo, ci si può iscrivere all’Inps Gestione Separata.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.