Carta di credito, cosa fare se non riconosciamo le transazioni



Carta di credito




Può accadere che il titolare di una carta di credito non riconosca delle transazioni cioè uno o più movimenti elencati nell’estratto contro della sua carta. Il titolare della carta potrebbe a buon diritto spaventarsi e ritenere che queste transazioni non riconosciute siano avvenute per motivi fraudolenti oppure supporre che si tratti di un errore tecnico.

Carta di credito, clonata cosa fare

In entrambi i casi, tramite la procedura chiamata chargeback, possono essere gestiti i movimenti soggetti a contestazioni da parte del titolare di una carta di credito. Con questa procedura, il titolare può chiedere alla società emittente della carta di credito il rimborso (lo storno) di una transazione avvenuta ma non riconosciuta.

Per avviare la procedura di chargeback, è necessario che il titolare della carta invii all’emittente della carta, via raccomandata ed entro 60 giorni dalla data di emissione dell’estratto conto:

  • una contestazione scritta e firmata;
  • una copia dell’estratto conto contestato;
  • una copia fronte- retro della sua carta di credito.

In più, nel caso il titolare della carta sospetti che la transazione non riconosciuta abbia natura fraudolenta, dovrà allegare anche una denuncia contro ignoti effettuata presso le Autorità competenti.




Operativamente, la procedura di chargeback coinvolge due soggetti:

  • la banca emittente (issuer);
  • la banca dell’esercente (acquirer).

L’emittente, dopo aver preso visione della contestazione, può:

  • richiedere al titolare della carta altri dati e chiarimenti per ricostruire meglio l’accaduto;
  • rimborsare il titolare senza iniziare la procedura di chargeback;

– contattare l’acquirer per iniziare la procedura di chargeback;

  • negare il rimborso.

Nel caso la società emittente decida di avviare la procedura di chargeback, allora questa invierà alla banca dell’esercente, l’istanza del titolare della carta. La banca dell’esercente, dopo aver esaminato tale richiesta e aver analizzato la documentazione, può accettare la richiesta e procedere al rimborso dell’importo sul conto dell’esercente; in alternativa, può negare il rimborso, motivando questa scelta.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.