Associazione sportiva, quali tasse deve pagare



Associazione sportiva




L’associazione sportiva è un’organizzazione composta da più persone che si accordano per raggiungere un interesse comune. Anche alle società sportive dilettantistiche costituite in società di capitali o cooperativa, senza fine di lucro si applica il regime agevolato ex 398/1991.

Possono beneficiare del regime agevolato:

  • le asd riconosciute dal CONI o dalle federazioni sportive nazionali;
  • le asd non riconosciute dal CONI o dalle Federazioni sportive nazionali, ma riconosciute da enti di promozione sportiva;
  • le associazioni senza scopo di lucro e le proloco.

Per usufruire delle agevolazioni fiscali, è necessario:

  • inserire nella propria denominazione, senza abbreviazioni la dicitura “associazione sportiva dilettantistica”;
  • che ci sia assenza di fini di lucro;
  • che sia rispettato il principio di democrazia interna;
  • che ci sia organizzazione di attività sportive dilettantistiche, compresa l’attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento e il perfezionamento nelle attività sportive;
  • il divieto per gli amministratori di ricoprire cariche sociali in altre società e associazioni sportive nell’ambito della medesima disciplina;
  • che ci sia la gratuità degli incarichi degli amministratori;
  • che ci sia devoluzione ai fini sportivi del patrimonio in caso di scioglimento delle società e delle associazioni.

Le associazioni sportive dilettantistiche in regime agevolato

Le associazioni sportive dilettantistiche in regime agevolato determinano l’imposta sul valore aggiunto da versare, applicando all’Iva a debito le seguenti detrazioni forfetarie:

  • 50% per i proventi commerciali generici comprese le prestazioni pubblicitarie (C.M. 7.9.2000, n. 165/E);
  • 50% per le sponsorizzazioni;
  • 1/3 per le operazioni di cessione o concessione di diritti di ripresa televisiva o trasmissione radiofonica;

Per le associazioni sportive la base imponibile Irap è determinata sommando al reddito d’impresa, calcolato ai fini Ires in base alla determinazione forfetaria:




  • le retribuzioni sostenute per il personale dipendente;
  • i compensi spettanti ai collaboratori coordinati e continuativi (vanno assunti nel rispetto del principio di competenza);
  • i compensi per collaborazioni occasionali;
  • gli interessi passivi di competenza del 2014 (compresi quelli inclusi nei canoni di locazione finanziaria).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.