Scadenze fiscali a dicembre, cosa si deve pagare



Scadenze fiscali




Il mese di dicembre 2019 non è solo quello delle festività natalizie ma anche quello di numerose scadenza fiscali. I contribuenti saranno chiamati a pagare già a partire dal 2 dicembre: scade il termine per l’invio dei dichiarativi fiscali per persone fisiche, società di persone e di capitali e per la presentazione telematica del modello Irap.

Inoltre, i titolari di partita IVA, saranno tenuti a versare la liquidazione periodica del terzo trimestre 2019. Per le partite IVA soggette a regime forfettario, scade il pagamento del secondo acconto dell’imposta sostitutiva mentre i professionisti iscritti alla gestione separata dovranno versare un acconto pari al 50% dei contributi alla cassa previdenziale.

Scade anche il termine per il pagamento del secondo acconto delle imposte dirette (Irpef, Ires e Irap).

I contribuenti non titolari di partita IVA tenuti ad effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali delle persone fisiche che hanno scelto di versare le imposte dovute in rate mensili, sono tenuti a versare la quinta rata dell’Irpef maggiorata dello 0,40% a titolo di corrispettivo e degli interessi dell’1,32%.




Coloro che sono tenuti a versare la sesta rata, invece, vedranno l’importo maggiorato degli interessi nella misura dell’1,64%. Dal 2 dicembre è stata posticipata al 9 dicembre la scadenza delle rate di rottamazione del saldo e stralcio.

Il 16 dicembre, invece, è la data di scadenza dell’Imu e della Tasi: sono tenuti a pagarle tutti i proprietari di seconde case, case di lusso, immobili commerciali, terreni, negozi ed aree edificabili. Sempre in questa data, i soggetti esercenti il commercio al minuto e assimilati e i soggetti che operano nella grande distribuzione sono tenuti alla registrazione dei corrispettivi cioè alla registrazione delle operazioni nel mese solare precedente per le quali è stato rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale.

Il 27 dicembre è previsto, invece, il versamento dell’acconto IVA. Il 31 dicembre è possibile presentare la dichiarazione IMU relativa a variazioni intervenute nel 2018.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.